Plumcake alle pere e uvette

Plumcakepereeuvette_unavegetarianaincucina_00

Da qualche tempo non faccio che preparare ricette dolci con le pere, sono andata in fissa. Perché? Beh, non potendo mangiare le mele e avendo voglia di un dolce da colazione morbido e pieno di frutta, è la scelta più ovvia e più semplice. Ma non è tutto qui perché ci sono tante tipologie diverse fra le quali spaziare, voi quali preferite? Io amo le decana da mangiare da sole o con altri frutti, a colazione o a merenda, le kaiser e le abate nei dolci. Non amo molto le williams per il loro finale liquoroso, ma non le disdegno.

Così, dopo i crumble al cacao e avena e dopo aver mangiato in giro un dolce alle pere che mi aveva conquistata, sono tornata ai fornelli – anzi dovrei dire al forno – per preparare un plumcake vegan con le uvette profumato al limone.

Cosa c’è di meglio di una fetta di dolce per cominciare la giornata? Questo plum è morbido e umido, molto leggero, ed è perfetto insieme a un buon tè. Se siete preoccupati per la sua durata visto che i dolci con la frutta tendono a deperire più velocemente, non preoccupatevi: potete tenerlo in frigorifero un paio di giorni oppure tagliare le fette, incartarle con cura singolarmente e surgelarle per avere sempre la vostra porzione di dolcezza a disposizione.

Con questa dose otterrete un dolce piccolo, duplicate il tutto se volete preparare uno stampo classico.

Plumcakepereeuvette_unavegetarianaincucina_01

Ingredienti (per uno stampo piccolo da 4-6 persone)

110 g di farina integrale

30 g di farina di riso

30 g di maizena

1 pera abate media

60 g di agave in polvere

100 ml di latte di soia

60 ml d’olio delicato

20 ml di succo di limone

35 g di uvette circa

una punta di bicarbonato

scorza di limone

noce moscata (a piacere)

Plumcakepereeuvette_unavegetarianaincucina_02

Mescolate le farine con la maizena e l’agave, profumate con la scorza di limone e la noce moscata, aggiungete le uvette.

Con il mixer a immersione lavorate il latte di soia con il succo di limone, unite l’olio a filo fino a ottenere una crema densa e aggiungetela alle farine insieme alla pera a pezzetti. Mescolate il tutto (l’impasto risulterà abbastanza denso) e riempite uno stampo da plumcake. Infornate a 180°C forno statico per circa 20 minuti, fate la prova dello stecchino prima di sfornare.

10 Commenti a “Plumcake alle pere e uvette”

  • Questo plumcake non fa certo rimpiangere la pasticceria tradizionale:-)

  • Elena AltraCucina:

    Agave in polvere? la prima volta che ne sento parlare…bellissima proposta

    • GcomeCarolina:

      Ciao Elena! Sì questo è il mio primo esperimento con l’agave in polvere, l’ho trovato in un supermercato bio e l’ho voluto provare 🙂

      • Elena AltraCucina:

        Molto interessante, come tutte le cose che non si conoscono…cercheremo l’agave in polvere…e poi provo la ricetta!grazie

  • Barbara:

    Cara Giulia, volevo chiederti un consiglio. Ho voluto provare a fare questa ricetta che mi incuriosiva un sacco. Il sapore e il profumo del plumcake sono deliziosi ma non mi si è gonfiato quasi per nulla.. Secondo te dove potrei aver sbagliato? Dici che forse dovrei provare a metterci un due cucchiaini di lievito oltre che il pizzico di bicarbonato? Ti ringrazio già ora in anticipo perché so che mi risponderai appena avrai tempo. Un abbraccio!!!

    • GcomeCarolina:

      Ciao Barbara! Allora io mi sono abituata ad usare il bicarbonato dunque ormai vado un po’ a occhio con le dosi, forse ne serviva un po’ di più? Diciamo una punta – anzi adesso lo metto anche nella ricetta 🙂 – dovrebbe essere sufficiente, se proprio vuoi aggiungere qualcosa magari ti suggerisco di metterci un po’ di cremor tartaro così potenzia l’effetto lievitante, dovrebbe bastare senza costringerti a metterci anche il lievito (oppure se preferisci usare il lievito puoi omettere il bicarbonato secondo me). L’altra cosa che aiuta è lavorare bene il latte di soia con il succo di limone e l’olio, come per fare una maionese, fino a quando è spumoso. In questo caso il risultato varia anche in base al tipo di latte che utilizzi. Poi il forno, io uso lo statico perché il mio forno, che è un po’ scarsino, con il ventilato mi brucia l’esterno e resta crudo l’interno ma se hai un forno moderno che funziona bene magari è più adatta una cottura diversa. L’ultima cosa che però non dipende da te sono le pere, se sono molto succose magari rilasciano liquido e appesantiscono un po’ l’ìmpasto rendendo più difficile la lievitazione, nel caso puoi provare a passarle velocemente in padella in modo che rilascino un po’ di liquido (io preferisco non farlo in generale per tenere la frutta più consistente ma sono scelte!). Come sempre in cucina tocca provare, queste sono le cose che secondo me potrebbero aver influito sul risultato finale, spero possano esserti d’aiuto come suggerimenti 🙂 baci

  • Barbara:

    Grazie mille Giulia! Sei sempre gentilissima!
    Prossimamente rifaccio la ricetta e utilizzo i tuoi suggerimenti!

  • Michela:

    Ciao Giulia
    Questo devo assolutamente provarlo! Ho visto che qui come anche in altre ricette indichi “olio delicato”: cosa intendi? che tipo di olio hai usato?

    Grazie!
    Michela

    • GcomeCarolina:

      Ciao Michela! Per i dolci consiglio sempre di usare un olio dal sapore delicato, può essere un olio di girasole o di mais, oppure un olio d’oliva dal sapore poco intenso. L’ideale è scegliere un olio di prima spremitura, biologico ed estratto a freddo.

Lascia un Commento

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Pasta al forno con zucca e formaggio vegan
Castagnaccio al cioccolato e fichi
Insalata di cavolo e finocchio con burrata melagrana e noci
Frittata vegan di castagne con zucca e broccoli

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: