Archivio di ottobre 2013

Pagina 2 di 3123

Frittelline di castagne farcite

L’autunno è proprio arrivato, niente da fare. Il cielo è grigio, l’aria fresca, fa buio presto.

Non è facile per una lucertola come me tenere il ritmo e non farsi condizionare dalla stagione.

In realtà non è l’autunno che mi spaventa, mi piacciono i suoi colori, le foglie rosse e gialle che tappezzano i viali, le “castagne matte” da mettere in tasca per tenere lontano il raffreddore, il forno acceso sempre più spesso. Mi piace quel pallido sole che ogni tanto si sforza di fare capolino fra le nuvole, mi piace aggiungere uno strato sopra la maglietta e avvolgermi nelle mie sciarpe leggere.

Il problema è che l’autunno mi proietta in avanti, verso l’inverno, verso mesi e mesi di brutto tempo, freddo, nebbia, neve. Nasi gelati, orecchie rosse e guanti di lana vanno bene per un po’, per qualche giorno intorno al Natale, ma poi basta, ho già voglia d’estate. AIUTO.

Però l’autunno mi regala la zucca, una mia passione grande, e pure le castagne, quelle da tenere fra le mani per riscaldarsi passeggiando sotto i portici, quelle che il nonno mangiava lesse. E non importava quanto fosse difficile poi tirarle fuori dal guscio, non importava se per mangiarne due servivano delle ore. Era il rito, la stufa economica accesa, noi radunati intorno al tavolo. Quelle castagne che in taverna mettevamo sul fuoco, con un po’ di sale, e poi tutti li a strofinarle dentro i canovacci per staccare i gusci, quelle delle dita nere e delle pance piene.

E se la prima ricetta con la zucca è in arrivo, quella con le castagne è già qui, la trovate oggi sul Cucchiaio.it.

Frittata soffice di zucchine alla menta e zenzero

No, vi spiego. Le preparazioni a base di uova, siano frittate, flan, souffle o quant’altro…tendono sempre a sapere molto “di uova”. O almeno questo è quello che sentono il mio naso e la mia bocca.

Di conseguenza, quando uso le uova cerco sempre di caratterizzare molto bene la preparazione con una spezia, delle erbe aromatiche, la scorza di agrumi se parliamo di dolci. Cose così. Sarà na fissa mia, boh.

Che sia una fissa o meno, per questa frittata avevo già scelto le zucchine e la menta, ma non volevo coprire il sapore delicato della verdura e non volevo neanche cedere al “solito” limone.

Così lo zenzero – o ginger se vi fa più figo – è venuto a me. Potentissimo, da utilizzare in dosi minime per evitare l’effetto Badedas – come direbbe la mia amica Roberta <3 – ha un sacco di proprietà. Ora non ve le elenco altrimenti vi stufate che sono già andata lunga, ma fa un sacco bene insomma. In più, lascia un retrogusto piccantino che non arriva subito, coprendo gli altri sapori, ma ti pulisce la bocca sul finale.

Insomma, l’ideale per la mia ricettina.

  continua >>

Frittatine che si credono tortillas

Resta vivo nella mia mente il ricordo delle mie vacanze spagnole. Non so se si è capito, ma non credo 😉

Il ricordo delle tortillas e della paella, delle patatas bravas e delle creme catalane.

Così da quando sono rientrata, ogni tanto scorgo nei miei piatti influenze spagnoleggianti: ieri il queso frito, oggi le frittatine monoporzione che trovate sul Cucchiaio.it, con patate e peperoni. Sarà ‘na mania?!? No dai, su, è solo nostalgia.

E poi non le trovate anche voi così carine?? Occcccchei, non posso gustarmele guardando le onde che s’infrangono sulla riva, non c’è il vento nei capelli, o la sangria sulla tavola. Ma ci accontentiamo. Che l’estate arriva presto.

Si, come no.

Queso frito. Dalla Spagna con amore.

Mi piace la Spagna, lo spagnolo, gli spagnoli. Mi piace il loro mare, i ritmi rilassati, la musica allegra. Mi piacciono le tapas, la gente fuori dai bar a chiacchierare, i chupitos, i pranzi alle 3 del pomeriggio, la movida. Mi piacciono le tortillas (stay tuned).

Se avete voglia di innamoravi della Spagna anche voi, senza prendere un aereo, basteranno poche mosse.

Preparate il queso frito, ovvero formaggio impanato e servito con una composta di mirtilli. La mia ricetta, dalla Spagna con amore, è su Cosebelle Mag.

Biscotti uva passa e agrumi

Biscotti semplici semplici, con tante uvette, non troppo dolci. Piacciono un sacco anche ai maschi.

Questa variazione di una tradizionale ricetta di biscotti si presta sia a preparare biscottini piccoli, mettendo l’impasto sulla teglia con i cucchiaini, sia a fare biscottoni come i miei, che tanto poi grandi o piccoli io ne mangio sempre uno in fila all’altro. Ingorda.

Maddddddai che dentro non c’è neanche lo zucchero, bandito da tempo dalla mia dieta, ma agave e marmellata con soli zuccheri della frutta. Le farine sono miste, che ci piace variare, e l’uvetta ovviamente. Il profumo? Gli agrumi. Adorati agrumi. I dolci hanno poco senso a casa mia senza la scorzetta di qualcosa 🙂

  continua >>

Pagina 2 di 3123

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Curry di verdure con sorgo al cocco e albicocche
Torta salata con melanzane perline e datterini
Gelato vegan cioccolato e cocco
Insalata alla greca con feta e olive

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: