Archivio di settembre 2014

Pagina 2 di 3123

Tempeh allo zenzero con verdure e salsa di soia

Visto che il primo esperimento in cucina con il tempeh mi era piaciuto, ho pensato di ritentare con un piatto diverso, d’ispirazione orientale. Ho preso il wok e c’ho buttato dentro il tempeh insieme a un po’ di verdure, tenute tutte un po’ al dente per mantenere la croccantezza, ho profumato con zenzero fresco e insaporito con la salsa di soia.

Questo piatto si prepara in un attimo e si presta a tutte le variazioni che volete, potete usare le verdure che avete a casa senza problemi (ad esempio carote, piselli e zucchine, per cambiare). Potete accompagnarlo con del basmati o del riso thai, insaporiti a piacere con spezie o frutta secca. Oppure potete usare questo mix per condire dei vermicelli di soia. Mettete in moto la fantasia, so che mi stupirete.

La ricetta, rigorosamente vegan, è su IlCucchiaio.it.

Risotto alle pesche con robiola e rosmarino

Lo so che anche voi avete un paio di pesche nel portafrutta. Non sono più quelle sode e succose di qualche settimana fa, ma sono pur sempre bellissime, con la loro buccia screziata e il profumo d’estate.

L’altro giorno, mentre le guardavo, ho avuto una delle mie ispirazioni e nel giro di dieci secondi ho deciso che c’avrei fatto un risotto, mantecato con la robiola e profumato con rosmarino fresco e pepe nero. Sentivo già il sapore in bocca, assaporavo i contrasti. Quando una ricetta nasce così, difficilmente mi delude. Non so cosa sia, gli accostamenti fra gli ingredienti sono spontanei e, anche quando suonano azzardati, funzionano.

E’ un risotto di fine estate fresco e profumato, cremosissimo, caratterizzato dal sapore intenso del rosmarino e dal pepe in grani, tritato grossolanamente, che da forza al tutto. Se siete dei tradizionalisti starete rabbrividendo, ma se avete voglia di provare qualcosa di nuovo, buttatevi.

continua >>

Penne allo zafferano con verdure e semi di zucca croccanti

Dopo un post un po’ malinconico dedicato a settembre, l’uscita del nuovo numero di Taste&More (correte a leggerlo se non l’avete ancora fatto!), e un appello caduto nel vuote per ricevere dei fichi in regalo, affrontiamo ciò che resta di settembre con una ricetta a base di carboidrati. Quando ci vuole ci vuole, un bel piatto di pasta in versione vegan, con tante verdure, è un ottimo sistema per ritrovare un po’ di carica, meglio ancora se portate in tavola qualche novità e scegliete una pasta diversa, magari integrale, magari senza glutine…

Sono una sostenitrice convinta dell’importanza di variare la propria alimentazione. So che a volta comprare le stesse cose rende la vita più facile ed è rassicurante, ma in cucina è importante cercare di evitare gli accumuli, seguire la stagionalità, sperimentare.
Per alcuni l’idea di preparare un piatto di cereali è sconfortante, sostituire il classico riso con quello integrale, l’orzo, il farro o quinoa e amaranto può sembrare difficile, ma chi non ha voglia e tempo di abituare l’occhio, il palato e la mente a nuove ricette può facilmente buttarsi sulla pasta.
Oggi in commercio trovate pasta – di ogni qualità quindi leggete, informatevi, provate – di farro, orzo, riso, mais e non solo, tutte alternative comode e veloci alla “solita” pasta di grano. Certo la tenuta della cottura, la consistenza e il rapporto con i sughi non sono identici, non si può pretendere che sia così, ma siate curiosi, cercate la pasta che preferite e mettetela in dispensa così potrete alternarla alla vostra pasta del cuore (la classica di grano per capirci).

Io in questo caso ho preparato delle penne senza glutine di mais, quinoa e riso allo zafferano, condite con zucchine e melanzane perline e arricchite con semi di zucca croccanti. Un piatto facile, veloce e leggero. Scoprite la ricetta su CosebelleMag!

Crostata alle mandorle, crema allo zenzero e fichi

Mi hanno chiesto una ricetta con i fichi, ma io quest’anno non li avevo ancora mangiati. Ho lanciato anche un’appello su Facebook, ho chiesto che qualcuno con un albero carico di fichi maturi in giardino venisse a suonare alla mia porta portandone un cestino in dono. Niente. Il nulla. No ma grazie eh.

In testa avevo chiara l’immagine del nonno che torna con il bagagliaio della macchina carico di cesti di fichi raccolti chissà dove, e la nonna che si porta le mani al viso sapendo che il suo destino è solo uno: produrre marmellata come se non ci fosse domani.

Con quei bei ricordi nella mente, triste e rassegnata, mi sono convinta a comprarli sti fichi, ma sapevo che non sarebbe stato lo stesso, ne ero certa.

Allora quei fichi ho deciso di cuocerli con un po’ di zucchero di canna (veramente poco nel mio caso, ma ognuno faccia ciò che crede, più i fichi sono buoni meno zucchero serve) e li ho usati per farcire una crostata con frolla alle mandorle e crema allo zenzero (la frolla è all’olio e la crema si può preparare anche con un latte vegetale, però ho messo le uova sto giro, ndr).

Ho amato subito il retrogusto fresco e pungente della crema allo zenzero e la croccantezza della frolla alle mandorle. Perché a me la frolla piace quando è scrocchiarella, come questa. Tutto questo insieme ai fichi ci sta un gran bene, secondo me, tuttavia se i fichi fossero stati quelli dell’albero….che ve lo dico a fare.

La mia ricetta – che vi consiglio di preparare in monoporzioni per facilitarvi nella lavorazione della frolla – la trovate su IlCucchiaio.it.

Adesso però portatemi un albero di fichi. Grazie.

Riso integrale al limone e cardamomo con verdure

Un semplicissimo riso integrale e tante verdure, tutto insieme in un piatto unico vegan facilissimo da preparare, leggero ma davvero buono. La prima volta che l’ho preparato è stato quando è arrivato un ospite improvviso e io non avevo tempo per fare la spesa. Ho messo a lessare il riso integrale (ci vuole un po’, di solito almeno 30 minuti) e ho pensato che mi sarei fatta venire in mente qualcosa.

Avevo dei piselli lessati in frigo, carote, zucchine, sedano. E poi le mie spezie come al solito. Ho pensato alla pasta mangiata a casa della nonna con tante verdure, cotte tutte insieme in padella, lentamente, senza fretta. Si lo so, non è più di moda cucinare così, adesso le verdure devono essere sempre “croccanti” per mantenere il colore e il sapore originale. Bello sì, anche buono spesso (non sempre sempre secondo me), però voi non avete mai assaggiato le verdure della nonna.

Così mi sono messa a tagliare tutto e ho lasciato che le verdure cuocessero con calma mentre il riso arrivava a cottura. Il risultato mi è piaciuto un sacco e allora vi racconto per benino come ho fatto.

continua >>

Pagina 2 di 3123

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Biscotti morbidi nocciole e cioccolato
Pasta all’aloe con crema di spinacini e ricotta
Miglio in insalata con ceci neri e zucchine
Smoothie verde al cacao e nocciole

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: