Archivio di ottobre 2017

Insalata di quinoa con crema di carciofi alle mandorle, zucca e fagioli

[post sponsorizzato]

Insalata-quinoa-crema-carciofi-9777

E così finalmente è arrivato il giorno X, quello dell’AromanticDay, l’evento organizzato al’Orto Botanico di Padova insieme a Valbona.

Domenica scorsa, in una cornice tutta verde, abbiamo parlato di intolleranze e di alimentazione veg, di sostituzioni e di ricche variazioni oltre che delle incredibili proprietà delle piante aromatiche, grandi protagoniste della giornata. Ma abbiamo parlato – io almeno, che ho sforato ogni tempistica con le mie chiacchiere – anche di molto altro. Ed è stato bellissimo condividere qualcosa, non solo una ricetta, molto di più.

Grazie mille a tutto coloro che hanno scelto di passare la loro domenica mattina con me (invece che restare sotto il piumone!!) e che in una giornata in cui non stavo per niente bene, con la faccia arrossata da uno sfogo pesante della mia dermatite (infondo ci siamo trovati per parlare anche di salute, no?!) mi hanno dato un po’ di carica.

Ma per andare al sodo, cos’ho preparato? Una quinoa tiepida condita con una crema di carciofini e mandorle con salvia e scorza di limone accompagnata da una crema di zucca alla curcuma, zucca grigliata e borlotti al rosmarino. Un piatto completo e sostanzioso perfetto anche per un pic-nic autunnale – se il clima lo permette – o per la schiscetta da portare al lavoro.

continua >>

Crema di riso al limone e vaniglia

crema riso vegan dolce

Essere quella che ha il blog di cucina implica tutta una serie di altre cose. Come se non bastasse essere quella “complicata” in ogni gruppo, quella vegetariana, quella che non mangia questo, è allergica a quello, fa sempre un sacco di domande a tutti (sono una brutta persona, I know) sono anche quella a cui:

  1. vengono segnalate le peggiori ricette (perché?!?) o le ricette più classiche come super innovative – e io: sorrisoni
  2. vengono fatte domande su tutto lo scibile umano, animale, vegetale, proprietà degli alimenti, farmaci, integratori, quale estrattore comprare, come usare il bicarbonato, quanto sale mettere nella pasta – e io: mi arrampico sui vetri cercando di dare delle risposte
  3. viene invitata a cena per poi essere messa ai fornelli – e io: ma certo figurati mi fa piacere cucinare ANCORA
  4. vengono fatte richieste tipo hai la ricetta per QUALSIASI COSA? Oppure ho trovato questa ricetta puoi rifarla “sana” e mandarmela? O anche ho comprato questo ingrediente e non ho idea di come usarlo, mi aiuti? O ancora ho comprato questa cosa buonissima con i peggiori ingredienti del mondo dentro, mi dici come fare a rifarla UGUALE a casa? – e io: con i miei tempi mi segno tutto e alla prima occasione buona cerco di assolvere le richieste.

La storia della crema di riso appartiene al gruppo 4 ma è una ricetta che ho sperimentato volentieri, avevo in mente da un po’ di prepararla ma non ha mai riscosso molto successo in famiglia, quindi l’avevo accantonata. Certo quando sono cugina e nipote a chiederti di prepararla per la merenda allora cambia tutto <3

Crema-riso-dolce-0153

La crema di riso può avere diverse varianti a livello di consistenza: può essere più soda o più cremosa, con il riso intero o frullato. Io l’ho preparata a modo mio (ma va?), abbastanza densa, quasi un budino, e ho frullato solo in parte il riso per dare cremosità. Se la volete più “lenta” potete ridurre il riso o aumentare il latte. Si prepara con 4 ingredienti (4!!) e sarà sempre un successo!

continua >>

Pane di kamut ai semi

pane kamut semi zucca

Non tutti sanno che…non sono un’esperta di lievitati, non sono una della gang della pasta madre, non sono una di quelle che cura il suo lievitino come un tamagochi e lo tiene d’occhio giorno e notte. Non ce la faccio. Non ho abbastanza pazienza/tempo/voglia/dedizione, lo ammetto. Non mangio spesso il pane vista la mia intolleranza al grano e la difficoltà che ho sempre a trovare impasti “puri” senza tracce di frumento qua e là, ma il pane mi piace molto (sempre di carboidrati parliamo, potevano non piacermi?) e mi piace anche impastare.

Così, dopo le brioche vegan di kamut e farro (qui la versione con farina di segale integrale) e la focaccia, ho deciso di sperimentare anche il pane. E ho provato a utilizzare il metodo con il poolish che mi aveva incuriosito tempo fa, facendo – ovviamente – tutta una serie di variazioni sul tema. La ricetta – con farina di frumento – da cui sono partita è quella dello Chef Martino Beria e si trova nel suo libro Vegano Gourmand.

In cosa consiste questo metodo? Prima (24 ore prima) si prepara il poolish, la nostra “base” con farina, acqua e lievito. Poi si prepara l’impasto e ci si aggiunge il poolish. A questo punto si fa lievitare ancora e poi si formano i panini (o panozzi, come nel mio caso).

Il risultato mi ha sorpresa, il pane non è molto alveolato (si dice così?) ma la mollica è compatta e morbida e la crosta sottile e croccante. Compatto, ma buono buono…però vorrei avere anche il vostro parere. Provate?

continua >>

Tofu marinato con uva e finocchio

tofu uva finocchio

Tornata alla vita reale, immersa nei miei nuovi corsi di yoga e impegnata a dividermi fra i vari impegni, mi sono resa conto che da parecchio tempo non cucinavo. O meglio, cucino tutti i giorni, ma da un po’ non mi prendevo del tempo per preparare un po’ di ricette e fotografarle in una sessione hard core di foodbloggerismo. Così – manco a dirlo – ho recuperato. Un pomeriggio del sabato, una sera a casa da sola…ho sfruttato tutti i miei attimi di relax per cucinare ma visto che non avevo pianificato nulla ho dovuto sfruttare tutto quello che dispensa e frigorifero mi proponevano.

Così sono tornata al mio tofu, amato e odiato, che io ho imparato ad apprezzare con il tempo, con pazienza, con caparbietà. C’è voluto un po’ per capire come utilizzarlo nelle ricette, come caratterizzarlo e dargli la personalità che non ha. Ormai la ricetta del mio tofu alla curcuma pronto in 10 minuti qui è un must (anzi, dovrei dare la ricetta anche a voi!) ma io avevo voglia di qualcosa di nuovo. Ho adocchiato l’uva, ho recuperato un finocchio e mi sono messa a cucinare: prima ho marinato il tofu per insaporirlo, poi l’ho leggermente infarinato e saltato in padella, aggiungendo anche l’uva e il finocchio.

Il risultato? Sorprendente. Io lo rifaccio di sicuro!

continua >>

Ibiza: cosa fare e dove mangiare veg in meno di 72 ore nella Isla Bonita

Cala-Comte-Ibiza

Quest’estate per me è volata, senza vacanze quest’anno. Viaggi si, mi sono mossa qui e là, ma sempre lavorando. Le Vacanze con la V maiuscola, quelle che di solito faccio a settembre e che per me equivalgono al momento in cui posso finalmente staccare un pochino, sono saltate. Anzi, non proprio. Mi sono regalata due giorni e mezzo a Ibiza insieme a un’amica per una fuga veloce nel tentativo di ricaricare le batterie.

Meno di 72 en la isla bonita con un programma di viaggio inesistente, fatto solo di voglia di sole e di bellezza con cui nutrire gli occhi. Senza noches bravas, non c’era posto per quelle, e poi le ore piccole le abbiamo sempre fatte lo stesso 😉

La settimana che abbiamo beccato noi è una delle più gettonate – l’abbiamo scoperto a nostre spese quando abbiamo cercato un posto per dormire – perché pare che sia una settimana di feste in navi da crociera e folli parties da 48 ore non stop. Roba per noi insomma.

E visto che ottobre è ancora un mese buono per una fuga a Ibiza, ho pensato di darvi un paio di dritte segnalandovi le cose che abbiamo visto e ci sono piaciute (se non puntate alla wild life).

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Presentazione VENERDì 15 DICEMBRE a Treviso da 11 (via Diaz) ore 17.30

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Quiche alla zucca con carote barbabietola e gorgonzola
Interpretazione vegan degli zaèti (e cose belle che finiscono)
Biscottini morbidi di segale avena e cioccolato (e un post pesantone su chi ci fa sentire dei malati immaginari)
Crema di finocchi piselli e sedano al limone

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: