Il Cucchiaio d’Argento

Pagina 10 di 15« Prima...5...89101112...15...Ultima »

Frittelline di castagne farcite

L’autunno è proprio arrivato, niente da fare. Il cielo è grigio, l’aria fresca, fa buio presto.

Non è facile per una lucertola come me tenere il ritmo e non farsi condizionare dalla stagione.

In realtà non è l’autunno che mi spaventa, mi piacciono i suoi colori, le foglie rosse e gialle che tappezzano i viali, le “castagne matte” da mettere in tasca per tenere lontano il raffreddore, il forno acceso sempre più spesso. Mi piace quel pallido sole che ogni tanto si sforza di fare capolino fra le nuvole, mi piace aggiungere uno strato sopra la maglietta e avvolgermi nelle mie sciarpe leggere.

Il problema è che l’autunno mi proietta in avanti, verso l’inverno, verso mesi e mesi di brutto tempo, freddo, nebbia, neve. Nasi gelati, orecchie rosse e guanti di lana vanno bene per un po’, per qualche giorno intorno al Natale, ma poi basta, ho già voglia d’estate. AIUTO.

Però l’autunno mi regala la zucca, una mia passione grande, e pure le castagne, quelle da tenere fra le mani per riscaldarsi passeggiando sotto i portici, quelle che il nonno mangiava lesse. E non importava quanto fosse difficile poi tirarle fuori dal guscio, non importava se per mangiarne due servivano delle ore. Era il rito, la stufa economica accesa, noi radunati intorno al tavolo. Quelle castagne che in taverna mettevamo sul fuoco, con un po’ di sale, e poi tutti li a strofinarle dentro i canovacci per staccare i gusci, quelle delle dita nere e delle pance piene.

E se la prima ricetta con la zucca è in arrivo, quella con le castagne è già qui, la trovate oggi sul Cucchiaio.it.

Frittatine che si credono tortillas

Resta vivo nella mia mente il ricordo delle mie vacanze spagnole. Non so se si è capito, ma non credo 😉

Il ricordo delle tortillas e della paella, delle patatas bravas e delle creme catalane.

Così da quando sono rientrata, ogni tanto scorgo nei miei piatti influenze spagnoleggianti: ieri il queso frito, oggi le frittatine monoporzione che trovate sul Cucchiaio.it, con patate e peperoni. Sarà ‘na mania?!? No dai, su, è solo nostalgia.

E poi non le trovate anche voi così carine?? Occcccchei, non posso gustarmele guardando le onde che s’infrangono sulla riva, non c’è il vento nei capelli, o la sangria sulla tavola. Ma ci accontentiamo. Che l’estate arriva presto.

Si, come no.

Gnocchetti di saraceno con ceci e limone

Ho comprato degli gnocchetti di saraceno. Gnocchetti pasta, intendo dire. Bellissimi, di un bel grigio scuro melange. Li avevo lì, ma ero un po’ spaventata conoscendo bene il sapore del grano saraceno, intenso, un po’ amaro.

Mi sono chiesta a lungo cosa farci, poi, come un’illuminazione. Ci voleva un condimento deciso ma fresco, per smorzare il sapore del saraceno senza coprirlo. Però serviva anche una crema per avvolgere gli gnocchetti.

Dunque nella mia testa si sono fatti strada i ceci e il rosmarino, accoppiata vincente. Il limone e i pomodorini per l’acidità che volevo. E un peperoncino al posto del pepe, per dare lo sprint.

E’ nata così la ricetta vegan che trovate oggi sul Cucchiaio.it, ed è piaciuta anche a mio padre che, per dirla in modo carino, non ama sperimentare. Credo sia un buon segno 😉

Tortino di patate al basilico e cipollina

Adoro le patate. Sono una delle cose che mangerei a quintalate, come se fossero dei dolci.

Su dai, smettetela con quei risolini, parlo dei tuberi e lo sapete anche voi che possono dare dipendenza.

In assoluto, su tutte, le patate al forno. Con tanto rosmarino. Potrei mangiarne teglie su teglie fino a rotolare, morirei, ma sarei certamente una ragazza felice.

Sul Cucchiaio.it oggi trovate la mia ricetta con la patate, c’ho fatto dei tortini. Una preparazione semplice, profumata con il basilico e l’erba cipollina, che ci stanno da dio. Sono sicura che quando li metterete in tavola tutti saranno felici. Come me. Se non sono ancora affogata in una teglia di patate O_o

PS. Questa ricetta è vegetariana, non vegana ma io preferisco sempre la besciamella fatta con l’olio, la farina di riso e il latte vegetale. Per le mie amiche intolleranze, perché è glutenfree e perché così la uso anche in preparazioni vegan. Voi se preferite potete preparare quella tradizionale!

Rucola uva e mirtilli. Noci e pane di segale.

Credo di avervi già storditi tutti con sto discorso dell’insalata, quanto è buona la verdura ma basta con ste insalatone bomba che trovi al bar e pensi di star leggera, invece dentro ci mettono di tutto, svuotano i vasetti e tu al ritorno dalla pausa pranzo ti addormenti sul pc. Non è vita.

L’insalata meglio farsela a casa, che poi chissà perché anche se la fai identica a quella del bar la tua è sempre millemilavolte più buona. Mah.

Perché son convinta che l’insalata se è fatta con un po’ d’amore e condita come si deve può essere davvero una bontà. Non una roba da dieta. Da vegetariani. Da intolleranti. No, una roba buona per tutti.

E’ il caso dell’insalata che oggi trovate sul Cucchiaio.it, che mescola frutta fresca e secca, verdura e pane. Ed è condita con il succo d’uva. Ciao insalata banale, adieu.

Pagina 10 di 15« Prima...5...89101112...15...Ultima »

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Biscotti morbidi nocciole e cioccolato
Pasta all’aloe con crema di spinacini e ricotta
Miglio in insalata con ceci neri e zucchine
Smoothie verde al cacao e nocciole

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: