Panini, toast e lievitati

Focaccia dolce alle uvette vegan

focaccia dolce farro uvetteDella mia scarsa preparazione sui lievitati abbiamo già diffusamente parlato. Della mia avversione per il lievito madre in tutte le sue forme più o meno liquide e della necessità di curarlo come un Tamagochi anche. Detto questo però, io amo i lievitati. Amo in particolare le focacce, dolci o salate che siano.

Così quest’anno, sotto Natale, con la voglia di panettone e le difficoltà a trovare qualcosa di commestibile e con un prezzo umano che non contenesse grano (ottima la focaccia di cui vi ho parlato qui) ho rispolverato una ricetta che mamma aveva usato l’anno scorso, ho aggiunto qui, tolto là…solite cose insomma.

Ho rifatto la focaccia almeno 5 volte. 2 volte è stato un flop. Una non è proprio lievitata (ma la colpa è mia e del mio pressapochismo), l’altra è lievitata molto poco e poi non si è cotta bene. Con i lievitati basta sbagliare un passaggio, essere distratti (aaaaaah, ecco perché non mi vengono mai), non dedicargli abbastanza amore e CIAO, il fallimento è assicurato.

Stavolta pare che sia riuscita a trovare l’incastro dei passaggi corretto, non lo so. Fatto sta che viene buona, poco dolce (ve lo dico, abbondate con le uvette o cospargetela di zucchero a velo se non volete cambiare la proporzione nell’impasto) morbida. Questa nella foto è uno dei primi tentativi riusciti ma l’ultima è venuta ancora più morbida nonostante abbia usato la farina di farro integrale.

continua >>

Pane di kamut ai semi

pane kamut semi zucca

Non tutti sanno che…non sono un’esperta di lievitati, non sono una della gang della pasta madre, non sono una di quelle che cura il suo lievitino come un tamagochi e lo tiene d’occhio giorno e notte. Non ce la faccio. Non ho abbastanza pazienza/tempo/voglia/dedizione, lo ammetto. Non mangio spesso il pane vista la mia intolleranza al grano e la difficoltà che ho sempre a trovare impasti “puri” senza tracce di frumento qua e là, ma il pane mi piace molto (sempre di carboidrati parliamo, potevano non piacermi?) e mi piace anche impastare.

Così, dopo le brioche vegan di kamut e farro (qui la versione con farina di segale integrale) e la focaccia, ho deciso di sperimentare anche il pane. E ho provato a utilizzare il metodo con il poolish che mi aveva incuriosito tempo fa, facendo – ovviamente – tutta una serie di variazioni sul tema. La ricetta – con farina di frumento – da cui sono partita è quella dello Chef Martino Beria e si trova nel suo libro Vegano Gourmand.

In cosa consiste questo metodo? Prima (24 ore prima) si prepara il poolish, la nostra “base” con farina, acqua e lievito. Poi si prepara l’impasto e ci si aggiunge il poolish. A questo punto si fa lievitare ancora e poi si formano i panini (o panozzi, come nel mio caso).

Il risultato mi ha sorpresa, il pane non è molto alveolato (si dice così?) ma la mollica è compatta e morbida e la crosta sottile e croccante. Compatto, ma buono buono…però vorrei avere anche il vostro parere. Provate?

continua >>

Avocado toast con asparagi e semi

avocado toast asparagi
Ok, è tempo per me di fare una confessione. Devo parlarvi di una (nuova) dipendenza, parliamo sempre ovviamente di cibo. Perché non bastavano i biscotti con le gocce, la granola, il cioccolato in ogni sua forma, il gelato – sì, perché questo è stato definitivamente nominato l’anno del gelato. No. Da qualche mese ormai, diciamo più o meno da quando la mia vita è stata scombussolata nei ritmi, nei luoghi e nelle abitudini e i miei orari per pranzi e cene sono diventati folli, sono entrata nel tunnel dell’avocado toast.

Lo so, ormai ne avete sentito parlare in tutti i luoghi e in tutti i laghi ma…l’avete provato? Lo so che è una cosa che fa molto Instagrammer e anche un po’ hipster ma è davvero una manna per salvare la cena, perfetto dopo la palestra, lo yoga, una giornata dura, o semplicemente quando non hai tempo e voglia di cucinare.

avocado toast

Ne esistono mille e più versioni ma quello che piace a me è semplice semplice:

  • pane tostato (il mio preferito è quello di segale – 100% segale)
  • avocado maturo a fettine  (non a sbobbone in questo caso, neanche in forma di guacamole, MAI con la cipolla) condito con un po’ di succo di lime
  • uovo all’occhio cotto con un filo d’olio e condito con sale e pepe nero (praticamente l’unico modo in cui mangio le uova volentieri)

E’ già perfetto così ma se poi lo completate con qualche verdura di stagione, ad esempio con i miei amatissimi asparagi verdi….chevvelodicoaffà?!

E niente, praticamente la “ricetta” ve l’ho già data!

avocado toast asparagi verdi

Ingredienti per 4 persone

4 fette di pane

1 avocado maturo

4 uova

1 mazzetto di asparagi verdi

timo e timo limonato

semini

succo di lime o limone

olio extravergine d’oliva

sale e pepe

avocado toast asparagi

Pulite gli asparagi e fateli a rondelle tagliando poi le punte per il lungo. Scaldate un filo d’olio in padella e fateli saltare a fiamma vivace qualche minuto, salateli e poi aggiungete un goccio d’acqua o copriteli per portarli a cottura, tenendoli se vi piacciono leggermente croccanti.

Affettate l’avocado e conditelo con il succo di lime (o limone), tostate le fette di pane e i semini mentre ungete d’olio un padellino e cuocete le uova all’occhio, mantenendo il tuorlo morbido (se vi piace), aggiungendo anche un pizzico di sale e una macinata di pepe.

Servite il pane con l’avocado, l’uovo, gli asparagi e i semini.

*le dosi sono per quattro per uno spuntino o un aperitivo, se dovete cenarci potete aumentarle!

Brioches vegan di segale integrale

brioches vegan segale
Quando qualcuno mi dice che non fa colazione io strabuzzo gli occhi e il mio cuore sobbalza. Come si fa a far partire una giornata senza colazione? Non so immaginarlo.

Probabilmente potrei nutrirmi a ogni pasto come a colazione: yogurt, frutta e granola, pane e marmellata, latte macchiato e biscotti, muffin, plumcake, avocado toast e altre delizie. Tipo montagne di brioches. Brioches vegan per tutti, preparate con farine alternative e dolcificate con lo zucchero mascobado, olio al posto del burro e latte vegetale. Brioches semplici, da farcire a piacere, che appena scaldate riempiono la casa di un profumo irresistibile.

Per preparare queste, con farina di segale integrale, ho modificato la ricetta che già ho usato moltissime volte che trovate qui.

Come sempre potete surgelarle e riscaldarle quando vi va, perfetto se come me siete viziati ed esigenti e volete svegliarvi ogni mattina con una colazione diversa.  continua >>

Focaccia con ricotta, friggitelli e pomodori al forno

focaccia friggitelli

Ci sono poche cose nella vita che mi danno  serenità più del sole, il mare, la bella stagione. Ho percorso lo stivale dal Veneto alla Puglia e appena ho avvistato uno spicchio di mare dal finestrino mi sono sentita a casa. #Dovevonascerealmare ho detto, uno frase che da anni ormai ripeto e che fa parte di me, la consapevolezza che vivere in un luogo di mare mi aiuterebbe a essere più serena, più centrata, più felice. C’è qualcosa di unico nei posti di mare, l’aria che si respira, l’umore della gente, lo spirito. Non importa che sia la Puglia, la Sicilia, la Spagna, il Messico…infilare i piedi sotto la sabbia calda, sentire il sole sulla pelle e stare a guardare il mare che si muove senza sosta è come una medicina, ripulisce la mente e riossigena il cervello, ma soprattutto riempie il cuore. E nei posti di mare i sorrisi sembrano sempre più larghi, i vestiti più allegri, i pomodori più rossi e più dolci. Cambiano le prospettive, cambiano le priorità, le cose che prima mi sembravano importanti e mi creavano ansia prendono contorni sfumati e quando sento il cuore battere troppo in fretta faccio un respiro profondo e mi perdo nell’azzurro.

Sarà per l’amore spropositato che ho per il sole che amo così tanto gli ortaggi estivi: colorati, succosi, croccanti, sempre uguale eppure sempre diversi. Sarà per l’amore che ho per l’estate che quando metto insieme pane, pomodori e ricotta sono felice. Se poi ci sono anche i friggitelli, siamo a un passo dalla beatitudine.

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Blondies di patate dolci al caffè e pinoli
Polpette di lupini e grano saraceno
Biscotti senza glutine al cocco e cioccolato
Grano saraceno cremoso con asparagi e carote

Seguimi via mail!

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: