Pandispezie_unavegetarianaincucina_00
Dolci,  Dolci vegan,  Senza latticini,  Senza uova,  Torte, muffin e plumcake

Pan di spezie

Pandispezie_unavegetarianaincucina_00

E Natale è andato. Tanto atteso e poi passato in un attimo. Queste giornate hanno un ritmo diverso dal resto dell’anno, sono intense, piene di cose da fare e di persone da vedere, sono stancanti ma belle.

La mia nipotina è finalmente arrivata, la famiglia si è riunita e io sono in brodo di giuggiole.

Ho cucinato troppo, sperimentato tanto – scoprendo che il mio forno non funziona più proprio preparando il dolce per Natale, ahia – e mangiato un po’ a caso. Ho parlato tanto, sorriso di più, ho baciato più in quattro giorni che in un mese intero. Ho prenotato un volo e parlato di vacanze estive, ho usato poco il cellulare e ridotto al minimo l’uso del pc, ho fotografato visi e abbracci, ho sognato progetti futuri e mi sono scontrata con la realtà ma l’ho fatto con amore. Ho scritto liste di cose da fare e comprato bigliettini da riempire di parole che qualcuno leggerà, chissà quando.

Ora il Natale è andato ma quest’atmosfera è ancora tutta qui e io non voglio perderne neanche un secondo. Ho deciso che per un po’ non cucinerò più dolci – si, certo – e che passate le feste mi darò una regolata a tavola.

Ma le feste ancora non sono finite e questo è il pan di spezie che finalmente sono riuscita a fare, dopo tanto tempo. E’ un impasto semi integrale che ho preparato usando farine diverse visto che avevo sacchetti aperti ovunque e che è nato quasi per caso, ecco perché non segue una ricetta originale precisa ma come spesso capita nel mio caso è un po’ improvvisato. Ho scelto le spezie che avevo in dispensa e le ho dosate seguendo l’istinto, poi ho aggiunto anche un po’ di cioccolato, che tanto le feste ancora non sono finite e conviene approfittarne 😉

Il risultato è un pan di spezie profumatissimo, compatto (se non avete mai mangiato il pan di spezie non vi aspettate una torta morbida, soffice o umida!), buono da solo insieme a una tazza di tè o di caffè bollente oppure farcito a piacere per i golosi impenitenti. Si conserva a lungo e non essendo troppo dolce non ti mi stufa mail.  Io lo adoro e spero piaccia anche a voi.

Ingredienti (per uno stampo da plum cake piccolo)

165 g di farina integrale di farro

50 g di farina di kamut

35 g di farina integrale di segale

100 g di miele o malto di riso

50 g di zucchero di canna integrale

200 ml di latte vegetale

1 cucchiaino di lievito bio vegan

1 cucchiaino di bicarbonato

cioccolato extra fondente

scorza d’arancia

spezie (per me cannella, 2 chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, liquerizia, fava tonka)

Pandispezie_unavegetarianaincucina_01

Fate bollire il latte con lo zucchero, il malto (o il miele se non volete una versione vegan) e i chiodi di garofano mentre in una terrina mescolate le farine con il lievito, il bicarbonato, la scorza d’arancia grattata e le spezie a piacere.

Aggiungete il latte – filtrando i chiodi di garofano – al resto degli ingredienti e mescolate con cura per amalgamare il tutto.

Pandispezie_unavegetarianaincucina_02

Riempite uno stampo da plum cake foderato di carta forno, grattugiate grossolanamente sulla superficie il cioccolato fondente e infornate a 150°C, forno statico, per circa 45 minuti.

6 commenti

  • Erika

    Ciao, ho provato a fare il tuo pan di spezie.
    molto profumato ma un po’ secco e sbrisoloso.
    Per ammorbidirlo, cosa mi consigli?
    Poi a me non si è alzato tanto quanto nelle tue foto, probabilmente è una questione di forno.
    grazie e saluti
    erika

    • GcomeCarolina

      Ciao Erika! Il pan di spezie di per sé è un dolce abbastanza asciutto e compatto inoltre questo non ha grassi e anche questo incide sulla consistenza. Se ti è venuto molto secco e si sbriciola forse potresti provare a cuocerlo un po’ meno o abbassare un pelino il forno. Io per esempio devo sempre tenerlo più basso perché il mio tende a seccare e bruciacchiare 🙁 Per cercare di fargli mantenere umidità puoi anche provare a mettere una ciotolina d’acqua in forno e puoi anche usare una farina semi-integrale invece che integrale per renderlo meno “rustico”. Per altre variazioni sostanziali della ricetta invece dovrei sperimentare 🙂 Per il discorso della lievitazione sì, può essere il forno – hai usato il forno statico? – o anche semplicemente un pizzico di bicarbonato in più o in meno! Per il momento, se vuoi rendere meno asciutto quello che hai già fatto, puoi preparare una bagna o uno sciroppo – magari con del succo d’arancia – bucherellarlo e spennellarlo. Ovviamente dovrai tenerlo in frigo perché diventando più umido sarà più delicato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.