Biscotti e pasticcini

Biscotti croccanti senza glutine con chia jam di mirtilli

biscotti senza glutine chia jam

Oggi parliamo di biscotti, anzi di frolle, ma per arrivare fino a lì facciamo un giro un po’ largo. Perché come sempre quando mi metto davanti al computer con il foglio bianco i pensieri cominciano ad accavallarsi e io lascio che le dita si muovano sulla tastiera senza controllarle troppo, che alla fine il blog resta sempre il mio diario…no?

Penso che la maggior parte delle persone, in fondo, viva la vita rimanendo in superficie, prendendo sempre la strada più semplice, senza farsi troppe domande, camminando lungo una percorso che, spesso, qualcun altro ha tracciato. Sono persone tranquille, che tendenzialmente evitano gli scontri e le discussioni, rimanendo in una zona grigia in cui si fanno andare più o meno bene tutto. Non dev’essere male riuscire a vivere così, senza turbamenti.

Poi ci sono io, che non smetto mai di pensare, che mi faccio continuamente un milione di domande, che voglio capire, voglio esplorare, voglio scoprire i miei limiti e scegliere se rispettarli o provare a superarli. Io che meglio fare e sbagliare che non fare proprio, io che “no ma spiegami”, “no ma dimmi”, “no ma tu cosa pensi?”. Io che non so mai decidere ma so cambiare idea, io che pondero troppo e invece vorrei essere istintiva, io che discuto ma poi voglio fare subito pace, io spacco il capello in duemila parti (e spesso non solo quello ;P) eppure sono quella che vorrebbe sempre rimettere insieme i pezzi. Io che, fra i miei mille turbamenti, difficilmente mi rassegno all’idea di non poter fare delle cose, e impazzisco per cercare delle soluzioni alternative.

Siamo sempre lì, io un po’ ci litigo con questo mio modo di essere, eppure è proprio questo temperamento quello che invece di farmi seguire tranquillamente una dieta senza sbattermi troppo, mi fa decidere che anche senza glutine, senza latticini, senza zuccheri e senza diosolosacosa, posso trovare il modo di mangiare qualcosa di buono.

E allora avanti con un’altra ricetta a prova di Giulia che io ho preparato quasi totalmente sugarfree ma che vi propongo in una versione con poco zucchero meno hard core: queste frolle senza glutine e senza latticini sono sottili e croccanti, farcite con una “confettura” ai mirtilli super furba e super veloce da fare, preparata con soli 3 ingredienti (per una ricetta più tradizionale preparata con agave e agar agar invece cliccate qui!). Accattatevi gli ultimi mirtilli per provare a farla, sarà una rivelazione 😉

Leggi il resto di questo articolo »

Biscotti senza glutine al cocco e cioccolato

biscotti senza glutine cocco cioccolatoOggi compio gli anni.

Ci sono persone che non amano festeggiare il compleanno, che non sopportano la data che rappresenta l’inevitabile scorrere del tempo. Io invece ho sempre amato molto l’arrivo del 15 giugno, il mio giorno. Non sono una da grandi festeggiamenti ma in questi 33 anni ho cercato di rendere la giornata speciale in qualche modo, di avere vicine le persone che amo, di creare qualcosa di unico. E ho sempre sognato, fin da da bambina, una festa a sorpresa!

Sarò onesta nel dire che quest’anno è più dura. Non tanto per il passare degli anni – così è la vita – quanto per il fatto che non sono fisicamente in forma da molto tempo ormai e questo sta cominciando a pesare in modo piuttosto importante su di me. Questa è la realtà dei fatti, non posso negarlo, ma oggi non voglio pensarci.

Ora è il momento di guardare oltre e concentrarsi sulla giornata che mi dedico, una giornata in cui mi auguro di essere felice, di godere di ogni istante, di sorridere più che posso. Di non guardare dentro lo specchio ma dentro di me, per promettermi di prendermi cura di me stessa e di amarmi, di essere forte e centrata, di stringere i denti e non mollare continuando a credere nel lieto fine. 

Forse non potrò accoglierlo addentando i miei biscotti con le gocce preferiti – ahimè banditi dalla dieta per ora – ma con un po’ di fede quel momento arriverà. Presto. Prestissimo. Me lo merito.

E voi vi meritate questa ricetta speciale, vegan e senza glutine, che dovete assolutamente provare: questi biscotti croccanti al cocco e cioccolato fondente diventeranno un must della vostra dispensa e creeranno velocemente una dipendenza…avrete abbastanza forza di volontà per non mangiarli tutti in una volta?!

Leggi il resto di questo articolo »

Dolcetti morbidi di avena e amaranto al cioccolato

Visto che questo blog è diventato un po’ come un diario in cui oltre alle ricette vi racconto emozioni, pensieri e stralci di vita, suo malgrado è soggetto proprio agli effetti della vita. E visto che ultimamente non sto molto bene – come qualcuno di voi avrà intuito da FB – il blog è rimasto un po’ fermo.

Sono in un periodo in cui la salute non mi sostiene, la mia dermatite atopica si è scatenata prepotentemente rendendomi davvero difficile fare una vita normale, lavorare, muovermi, insegnare. Ci sono giornate migliori di altre ma mi sento molto sconfortata perché non ho ancora capito quale strada percorrere e tutte quelle che ho percorso fino ad ora non mi hanno portata a nessun risultato. Sentirsi malati e sentirsi soli non rende facile affrontare il resto. Non voglio farvi un pippone in un post triste su una malattia che sicuramente è molto meno grave di tante altre ma sono sicura che chi ne soffre in forma severa, come me, sa di cosa sto parlando.

Detto questo ho capito che il blog non meritava di subire tutte le conseguenze della mia malattia e ho deciso di rispolverare una ricetta per preparare dei pasticcini vegan di avena e amaranto, perfetti anche per chi cerca un dolce gluten free (verificate che l’avena sia certificata).

Questi dolcettisono morbidi e fragili, caratterizzati dalla consistenza dell’amaranto soffiato che non li rende paragonabili a nessun altro dolce. Per prepararli vi bastano i cereali della colazione e un po’ di cocco, non serve farina, e sono facilissimi da fare.

Per chi come me in questi giorni è a dieta rigida e non li può mangiare sono un sogno ma per voi potrebbero diventare realtà in pochissimi minuti….

Leggi il resto di questo articolo »

Interpretazione vegan degli zaèti (e cose belle che finiscono)

interpretazione vegan zaeti

A volte anche le cose belle finiscono. Lunedì è uscito l’ultimo numero di Taste&More, il magazine che avete imparato a conoscere con cui collaboro ormai da qualche anno. Mi ricordo benissimo il giorno in cui mi hanno invitata a salire a bordo di questo bel progetto, ricordo quanto mi sono sentita fortunata di poterne fare parte, ricordo tutta l’ansia da prestazione e le sfide affrontate. Taste&More è stato un progetto stimolante perché insieme a me c’erano un sacco di blogger bravissime. Ma tipo super mega brave. Tipo che io mi sono sempre sentita la schiappa del gruppo. Ma da quelli bravi bravi puoi sempre imparare e io di voglia di imparare ne ho tanta. Così numero dopo numero siamo arrivate a chiudere questo ciclo e lo facciamo con la rivista dedicata al Natale e alle feste, con tante luci e tanti colori, con tutta la magia di questo periodo. Gustatevi ogni pagina mentre vi accompagniamo fra le nostre ricette (cliccate qui sotto su fullscreen perché non riesco a metterlo al centro!).

continua >>

Biscottini morbidi di segale avena e cioccolato (e un post pesantone su chi ci fa sentire dei malati immaginari)

 

biscottini segale

È un periodo complicato. Si, ok, è un anno complicato. Ok, ok, gli ultimi due anni sono stati complicati. Non so quanto abbia influito su questo il cambio di decina, l’ingresso in un decennio centrale della mia vita, la presa di coscienza del tempo che passa, inesorabile, mentre noi scegliamo se starlo a guardare o muoverci con lui.

Gli ultimi due anni sono stati densi di cambiamenti, belli e brutti. Mi hanno fatto sradicare quelle che credevo fossero radici ben salde, certezze, sicurezze. Mi sono ritrovata fragile e spaventata così ho cominciato a costruire i miei muscoli, muscoli per affrontare la vita, muscoli per imparare a costruire (e a volte anche a distruggere), muscoli per proteggere il cuore.

Gli ultimi sei mesi sono stati se possibile ancora più complicati. Non si hanno mai abbastanza muscoli per proteggere il cuore, non basta una vita per imparare. E forse è meglio così.

[DISCLAIMER: se non hai voglia di leggere di malattie, di malessere e di frustrazione perché oggi vuoi solo leggerezza premi ora su continua alla fine del post e vai diretto alla ricetta dei biscotti, io ti capisco e ti voglio bene anche se non leggi il mio pippone <3]

biscottini segale avena cioccolato

Ma quando le cose si complicano non c’è solo il cuore in ballo, anche la mente e il corpo cominciano a ribellarsi. La mia dermatite (atopica) è peggiorata. MOLTO. Ho deciso di scriverlo perché sono stanca di sentirmi trattare quasi come una malata immaginaria. Di sentirmi dire le stesse cose da 30 anni. Di sentirmi dire che la posso tenere sotto controllo da medici che non sono con me quando la notte non dormo, quando la domenica la mia faccia è rossa e gonfia, quando mi sento stanca come se avessi la febbre a 40 ma devo continuare a lavorare e cercare di nascondere il malessere e il nervosismo sotto strati di crema e di trucco che non fanno che peggiorare la situazione. Sono stanca di girare con il cortisone in borsa e di essere presa in giro perché mentre chiacchiero con la gente mi spalmo la crema sul viso. Non mi diverto a farlo, non sono una strana. Sono solo stanca di sentirmi a disagio e di vergognarmi della mia faccia rossa. Sono stanca di fare tutto lo stesso, perché è così che si fa, la vita mica ti aspetta e infondo devi pensare che ci sono cose molto più gravi, quindi chi sei tu per lamentarti? Con che coraggio alzi la voce? In fondo hai sempre fatto tutto lo stesso, puoi continuare a farlo.

Conosco la frustrazione di chi ha una malattia cronica non abbastanza grave, di chi sta male ma non si lamenta, di chi ha provato medici, santoni, diete e pozioni magiche. Di chi impara ad accettare di stare male ed è costretto a cambiare i suoi parametri sul concetto di stare bene, poi esce di casa pensando “dai, oggi non va neanche male” e sistematicamente incontra qualcuno che gli dice “ma cos’hai sul viso che sei tutta rossa?” riportandolo alla realtà. Siamo stanchi. Avremmo voglia di medici che si prendano un po’ a cuore i nostri problemi, che vadano oltre le ricette e le prescrizioni di visite specialistiche che ci prosciugano i risparmi, che trovino in fondo al cuore un po’ di empatia. E so bene che questo post non servirà a nulla, serve solo a me per mettere nero su bianco un po’ di cose, a volte serve liberarsi un po’ dei propri demoni. E perché se anche solo una persona con un problema simile capiterà qui e si sentirà meno sola, io sarò felice.

Ma io come sempre con i post pesantoni non sono brava e poi mi sento già a disagio per aver parlato così tanto di me, di una cosa personale. E vorrei cancellare questo post ma no, non lo farò. E allora come al solito sdrammatizzo E allora come al solito faccio un sorriso e cambio argomento con apparente leggerezza.

E allora lasciate che siano ancora una volta dei biscotti con le gocce a darvi conforto. In fondo questo è un diario sì, ma è anche e soprattutto blog di cucina. E allora daje de biscotti. Questi biscottini morbidi sono preparati con farina integrale di segale e fiocchi d’avena. Non fanno miracoli, ma sono sempre meglio di un altro giro in farmacia.

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Pancakes alle banane con yogurt e pere
Biscotti croccanti senza glutine con chia jam di mirtilli
Risotto con crema di piselli e zucchine
Polpette di patate con verdure e olive

Seguimi via mail!