Dolci

Budino al latte di cocco al limone e cioccolato

 budino latte cocco

Latito. Sono sparita dal blog, letteralmente travolta dal lavoro. Il clima di Natale lo sento solo quando esco di casa e mi si ghiaccia la punta del naso, per il resto niente Christmas Spirit per ora, niente biscotti allo zenzero e infusi alla cannella. Vedo i food blog di quelle serie piene di spunti per le tavole delle feste e mi sento un chilometro indietro, punto a raggiungerle con uno sprint ma non sono sicura di potercela fare!

Avrei davvero voglia di fermarmi per preparare i dolci di Natale e tirare fuori dalla scatola gli stampini a forma di stella, ma sono troppo impegnata a correre. Verrà il momento di fermarsi, per ora i miei sforzi sono dedicati a pensare e realizzare ricette semplici e abbastanza veloci che però con un po’ di fantasia e qualche accortezza si possano trasformare in piatti davvero carini, oltre che buoni da mangiare.

Come questi budini al latte di cocco, freschi e deliziosi, facilissimi da preparare. La base profuma delicatamente di cocco e poi sarete voi a scegliere se proporli solo nella versione al limone o se farvi prendere dalla gola con qualche quadretto di cioccolato.

Poi prendetevi un attimo per dare sfogo alla vostra creatività e decorateli. Anche quando si mangia a casa e il menù è semplice, è bello coccolarsi così.

Cosa dite, anche se non sono dolci tradizionali, li portereste in tavola per una delle cene delle feste in compagnia?

Leggi il resto di questo articolo »

Crostatine vegan al cocco e cioccolato

crostatine vegan cocco ciocco

Ognuno di noi nella vita ha persone, cose, situazioni di cui non può fare a meno. O meglio, di cui crede di non poter fare a meno. Fino a quando ne è costretto.

La vita ti fa affrontare un sacco di momenti che non avresti mai voluto affrontare, le persone cambiano strade e si perdono, le cose a cui si è costretti a rinunciare sono spesso più di quelle che ci si può concedere e, incredibilmente, si sopravvive. Senza persone. Senza cose.

Di persone non stiamo a parlare – che è pur sempre un blog di cucina – ma per quanto riguarda le “cose”, la mia dermatite e le mie diete mi hanno costretta spesso a rinunciare ad alcuni ingredienti. Sono passata attraverso regimi alimentari più o meno restrittivi che quasi sempre mi hanno tolto una delle cose di cui sono più golosa: il cioccolato. Ho scoperto che ero sono letteralmente dipendente dal cioccolato. La dipendenza dal cioccolato, così come quella dal caffè e dagli zuccheri, è provata. E io l’ho testata su me stessa.

I primi giorni di astinenza sono i peggiori, quelli in cui non riesci a pensare ad altro: crema al cioccolato, cioccolatini, torta al cioccolato, mousse, biscotti con le gocce, gelato. Serve determinazione per uscirne – so che sembra che stia scherzando, ma è la verità! io ero motivata, altrimenti avrei mollato presto – e quando ne sei uscito ti rendi conto che puoi sopravvivere anche senza. Certo, la vita senza cioccolato è un po’ meno bella, meno dolce, meno confortante 😉

Per fortuna le mie diete mi hanno portata anche alla scoperta di un ingrediente che già amavo di cui invece mi sono appassionata, il cocco. Amo il cocco in ogni sua forma: fresco, essiccato, crema, latte, panna, olio. Mi sono innamorata sempre di più del suo profumo, della consistenza, del sapore.

Inutile dire che l’accoppiata cocco-cioccolato è una delle mie preferite, golosissima. E visto che il cioccolato non è più bandito – anche se andrebbe moderato – ho deciso di unire questi due ingredienti che amo in un’unica ricetta in cui il cocco è protagonista in tante forme: la frolla è preparata con olio e zucchero di cocco, la crema con la panna e il mou con il latte.

Queste crostatine sono un’esplosione di sapore: la frolla croccante ma friabilissima, la crema avvolgente, il mou irresistibile.

Provatele e poi ditemi se questo non è un viaggetto in paradiso!

 

Leggi il resto di questo articolo »

Pancakes proteici di ceci e castagne senza zucchero

pancakes proteici ceci castagne

Qual è il pasto della giornata che preferite? Io non ho dubbi, sono un’appassionata della colazione. Negli ultimi anni visti gli impegni che si sono accavallati e la vita che è un po’ cambiata mi ritrovo spesso a pranzare e cenare di corsa, molto tardi, più per necessità che con amore. Mi piace? No, e non è neanche salutare, ma per ora non ho alternative.

C’è un momento però della giornata che per me è un rito, una coccola, un regalo. Ed è quello della colazione. Non importa che siano le 4 del mattino o le 11 (ma quando mai?!), io adoro sedermi e fare una colazione abbondante, soprattutto nel fine settimana quando i ritmi rallentano un po’.

Da quando ho cambiato regime alimentare eliminando quasi completamente il glutine e riducendo i carboidrati (la mia alimentazione punta a ridurre l’infiammazione e la risposta del corpo alle istamine visto che soffro di dermatite atopica), mangio una bowl, ovvero una ciotola di qualcosa. Quel qualcosa sono di norma yogurt, frutta fresca e semini o granola.

Quando ho voglia di una colazione speciale però mi concedo un muffin, una fetta di torta, qualche biscotto o…i pancakes! Per poterli mangiare senza troppi problemi mi sono messa ai fornelli per creare una versione di pancakes proteici – visto che per me le proteine non sono mai abbastanza – preparati con farina di ceci e castagne, canapa e latte di quinoa. Non è una ricetta vegan ovviamente ma è senza zucchero, senza glutine e senza frutta secca.

Io non dolcifico crepes e pancakes, questo mi consente di farcirli sia in versione dolce che salata e di sbizzarrirmi con gli accompagnamenti senza aggiungere altri zuccheri*!

 

*Se voi non siete abituati però al sapore neutro dei pancakes potete aggiungere nell’impasto un po’ di zucchero di cocco o di malto o di agave, poco per volta, in modo da dosarli bene.

Leggi il resto di questo articolo »

Muffin di farro ai mirtilli vegan e senza zucchero

muffin sugarfree mirtilli

Credo che ognuno di noi abbia una ricetta di quelle senza cui non potrebbe stare. Una ricette di quelle che ti salvano sempre, che riesci a modificare e a preparare anche quando il frigo è vuoto e la dispensa piange. Una ricetta di quelle che sono una garanzia, che funzionano come se fra gli ingredienti ci fosse anche un po’ di magia. Ecco per me è la ricetta dei muffin.

Lo so, sembra strano che sia una ricetta di pasticceria il mio salva vita, perché dai, lo sanno tutti, la pasticceria è chimica, non puoi sbagliare le dosi. Ma la mia pasticceria è un po’ un pasticcio, perché deve assecondare le mie esigenze, rispettare i miei regimi alimentari, saper rientrare dentro tutti i miei “senza”.

In tutte le fasi che ho passato, con tutte le intolleranze che nel tempo ho collezionato, con tutte le diete che mi sono state prescritte (da medici per la dermatite, non a caso), i miei muffin sono sempre riusciti a sopravvivere. Cambiavo le carte, mescolavo, toglievo, aggiungevo e alla fine mettevo tutto nei pirottini, sbattevo la teglia in forno e stavo a guardare con le dita incrociate. In un modo o nell’altro, i miei muffin sono sempre stati un rassicurante punto fermo, una certezza soffice e appiccicosa che profumava di buono.

Questi di farro, vegan, senza zucchero ai mirtilli sono un’altra dimostrazione del fatto che i muffin sono magici. Ormai è chiaro. Se non è magia questa ragazzi…

E la vostra ricetta magica qual è?

Leggi il resto di questo articolo »

Gelato alla liquerizia vegan glutenfree

gelato liquerizia

Ogni estate ha un sapore diverso. Ogni estate ha un tema ricorrente, qualcosa che per quella stagione diventa un po’ un must, un tormentone, qualcosa di cui non riesco più a fare a meno.

Quest’anno la vita per la ricetta della mia estate ha combinato ingredienti apparentemente strani da mescolare tipo: una serie di prime volte (tante e impegnative), una quantità importante di tempo trascorso a casa (sia perché non sono andata in vacanza per periodi lunghi sia perché sono stata parecchio fra le mura di casa), una valanga di insalate (di tutti i colori e i sapori), chiacchierate lunghissime (anche con chi credevo non avrebbe mai retto le mie maratone), diversi giri in bici (con annesse schiene sudate e capelli scompigliati), poco mare (decisamente poco, per i miei standard) e chili di gelato (sia quello fatto in casa che quelli mangiati per strada passeggiando). Ecco, siamo arrivati al dunque. Il GELATO.

Cos’è poi il gelato se non un apostrofo fresco e cremoso fra le parole “fa caldo”?

Questa mia passione/ossessione per il gelato non è cosa nuova, è già dall’anno scorso che sto in fissa (trovate un po’ di ricette qui). Vi ho raccontato di come passare dal gelato alla crema a quello alla frutta mi avesse fatto perdere l’innamoramento, di come un buon gelato alla frutta mi avesse fatta re-innamorare e di come fossi passata alle preparazioni casalinghe con somma gioia. Ma non vi avevo ancora offerto una versione alla liquerizia, la mia amatissima liquerizia, che dolcifica un sacco e ci permette di non esagerare con gli zuccheri. Una polvere preziosissima che rende tutto speciale. Così l’ho fatto, ho preparato il gelato vegan e senza glutine alla liquerizia, la base è fatta con il latte di cocco e la crema di anacardi.

5 ingredienti, niente gelatiera. Come si fa a non farlo?!

gelato liquerizia Leggi il resto di questo articolo »

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Insalata di cappuccio finocchio e cannellini al pompelmo
Budino al latte di cocco al limone e cioccolato
Tofu impanato ai semi di zucca e capperi
Riso rosso con verdure al forno e cicerchie speziate

Seguimi via mail!

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: