foodblog vegetariano

Granola glutenfree alle noci e semi di chia

La colazione per me è una festa. Anzi, mi correggo, è una festa quando non sono costretta a mangiare gallette di riso con acqua e limone, o poco più. Fin da piccola mi hanno insegnato a sedermi a tavola tutte le mattine per questo pasto fondamentale, un pasto che ho sempre adorato visto la mia passione per i dolci. Una colazione con frutta, cereali, latte (vegetale nel mio caso), caffè o tè è il modo migliore per cominciare la giornata, se poi ho la fortuna di aver preparato dei muffin o una torta il giorno prima, meglio ancora.

Per quando sono un po’ di fretta però, la granola è perfetta: si può preparare in anticipo e chiudere in un vaso di vetro per averla sempre croccante e si possono usare ogni volta cereali, frutta secca e semi diversi.

La mia versione vegan senza glutine arricchita con semi di chia e di girasole è a base di noci, mais, grano saraceno e prugne essiccate, con un profumo di cannella, vaniglia e scorza d’arancia.

La ricetta la trovate anche su AlFemminile.com insieme a tante altre idee per utilizzare i preziosissimi semi di chia.

continua>>

Crocchette di lupini e amaranto con maionese allo zenzero

Quando ho comprato per la prima volta l’amaranto ero sicura che, con tutte le cose belle che avevo letto su di lui (l’amaranto) e con tutte le ricette che c’erano in giro, sarei riuscita a usarlo in modo intelligente senza problemi. Non vi dico quanto sia stata cocente la delusione quando dopo uno, due, tre, mille tentativi ho pensato di gettare la spugna. Il problema non era il sapore, leggermente nocciolato e quindi davvero gradevole, ma la consistenza. Qualsiasi cosa preparassi, qualsiasi ingrediente aggiungessi, il mio amaranto restava gelatinoso, colloso, senza una forma. Io poi ho sempre avuto dei problemi con quelle consistenze, ho sempre avuto dei problemi con la panna cotta che ti propongono in giro, quella che sballonzola nel piatto mentre te la portano al tavolo. NO GRAZIE.

Allora ho provato a farci i pops, a soffiarlo insomma, perché dal Messico mi avevano portato dei buonissimi dolcini di amaranto soffiato. Risultato? Dei bei pallini di amaranto carbonizzato, che di scoppiare non aveva nessuna intenzione.

Eppure ragazzi dai, non potevo mollare.  E non l’ho fatto. Ho perseverato, ho cercato di accendere il cervello (ahhhaahah). E alla fine – anzi all’inizio perché, mio caro amaranto, questo è solo l’inizio – sono nate queste crocchette. Saporite, golose, croccantine fuori e soffici all’interno, di quelle che ne mangeresti una vagonata. Ma infondo io lo sapevo, amaranto mio, che ci saremmo amati. Era solo questione di tempo :)

La ricetta vegan e glutenfree delle crocchette è su IlCucchiaio.it.

Tortini fondenti al cioccolato e barbabietola

Avevo sentito parlare dei tortini alla barbabietola e girovagando per il web avevo anche trovato qualche ricetta..avevo letto tutto con attenzione ma non avevo mai sperimentato. Poi un giorno, con le barbabietole in frigorifero, ho ricordato una ricetta per dei tortini al cioccolato e barbabietola fondenti, così mi sono messa e fare tutte le mie modifiche per un risultato a prova di dieta da intolleranze – o quasi visto che il cioccolato mi sarebbe proibito, dettagli.

Quando sperimento dolci “non tradizionali” e modifico le ricette a modo mio cerco sempre di evitare i latticini e gli zuccheri raffinati, utilizzo l’olio come unico grasso (e in questa ricetta ce n’è davvero poco) e scelgo farine alternative. Questo per cercare di proporre dei dolci più sani e anche per cercare di andare incontro alle esigenze di chi, come me, soffre di intolleranze alimentari che così, magari con qualche piccola modifica, può sperimentare le mie proposte. In questo caso la ricetta è tutta vegetale quindi adatta a vegetariani e vegani e la farina utilizzata è quella di riso dunque la ricetta è senza glutine (a patto di fare grande attenzione nella scelta anche di tutti gli altri ingredienti, a cominciare dal cioccolato, nel caso di problemi con il glutine).

Che altro dire? Non fatevi spaventare dalla presenza delle barbietole, daranno ai vostri tortini una bellissima sfumatura rosso rubino e una consistenza soffice e umida senza influire prepotentemente sul sapore, il cui focus resterà senza dubbio sul cioccolato.

Una volta preparati i vostri tortini consumateli subito – consigliato! – o conservateli in frigorifero e intiepiditeli leggermente prima di mangiarli. Per quanto riguarda la cottura scegliete se preferite avere un ripieno fondente e cremoso o una consistenza più compatta (oppure fate come me che mi sono distratta mentre avevo i dolci in forno e quindi li ho presi come sono venuti ;)

continua>>

Biscotti salati con crema di asparagi e uova

Ovi e sparasi”, questo il nome in Veneto dell’accoppiata di primavera per eccellenza, quella composta da uova e asparagi. Non sono mai stata una cultrice delle uova così come sono, ve l’ho già detto, ma ammetto che l’abbinamento con l’asparago è la morte sua. A casa mia si mangiano molto spesso asparagi lessi insieme a uova all’occhio oppure con le uova sode condite, appunto. Io però, in generale, gli asparagi li preferisco in padella, che restino un po’ croccantini e meno acquosi, e se posso scegliere vado sempre sui verdi perché amo il loro sapore deciso.

Per variare, e perché amo i finger food, ho deciso di usare quest’accoppiata trasformandola nel ripieno di biscottini salati alla ricotta e semi di papavero. Il risultato – e la ricetta – sono su IlCucchiaio.it.

Crocchette di quinoa e sedano rapa con salsa di liquerizia

Un sapore particolare senza dubbio quello del sedano rapa, un sapore che io amo molto e che adoro abbinato alla liquerizia, come avete avuto modo di vedere anche per la mia crema.

Per questa ricetta vegan e gluten free* prepariamo delle crocchette di quinoa davvero delicate che risulteranno molto morbide all’interno e croccanti all’esterno. La quinoa – per me la mista ma voi scegliete la vostra preferita – serve infatti sia per dare corpo alle crocchette rendendo lavorabile la crema di sedano rapa che per formare all’esterno una panatura che, con la cottura in forno, diventerà scrocchiarella come piace a me.

Se amate gli abbinamenti un po’ azzardati preparate la salsa alla liquerizia come ho fatto io, se invece siete dei tradizionalisti servite le crocchette “al naturale” con un bel contorno.

Sappiate che nonostante la presenza della quinoa il protagonista assoluto della ricetta è il sedano rapa, piuttosto presente, dunque regolatevi secondo i vostri gusti e se non vi ha ancora convinto preparate delle crocchette più tradizionali, tipo queste di patate e zucchine :)

*se avete problemi di intolleranze verificate sempre che tutti gli ingredienti che utilizzate siano adatti alla vostra dieta

continua>>

Pagina 1 di 4912345...101520...Ultima »
Granola glutenfree alle noci e semi di chia
Crocchette di lupini e amaranto con maionese allo zenzero
Tortini fondenti al cioccolato e barbabietola
Biscotti salati con crema di asparagi e uova

Inserisci la mail e seguimi!

Follow on Bloglovin

Food Blog Award

Food-blog-award-300x293