Articoli marcati con tag ‘sfoglia’

Stelle filanti di sfoglia alla marmellata

Io e il Carnevale abbiamo un PESSIMO rapporto. Nonostante da piccola avessi la fortuna di avere meravigliosi vestiti cuciti dalla nonna, unici e curati in ogni dettaglio, appena ho avuto l’età per poterlo fare mi sono ribellata a questa festa. Non mi piace, sarà perché non amo i travestimenti, perché non mi piacciono la calca e la confusione..non lo so.

L’unico motivo per cui per me valeva la pena che esistesse il Carnevale erano le frittelle alla crema e allo zabaione della nonna. Non amo molto i dolci fritti, in generale, e in casa nostra non c’è mai stata una gran tradizione. In Veneto si fanno le “fritole” veneziane, con l’uvetta, i “crostoli” ovvero quelle che in altre ragioni si chiamano chiacchiere, le “castagnole” e poi..le frittelle ripiene. La nonna come me non ha mai amato friggere i dolci ma amava vederci correre intorno al bancone della cucina pronte ad addentare le sue frittelle da urlo. E così le preparava, e mi faceva dare una mano a farcirle con la siringa, e io ero felice come non mai. Ora la nonna non ha più tanta voglia di mettersi a friggere – giustamente – e io che non sono abituata a farlo non ho ancora avuto il coraggio di cercare di replicare la sua ricetta. La gioia quando la crema si sprigionava al primo morso, dolce e avvolgente, profumata di limone. Mmmmh che bontà!

Tutta sta pappardella per dirvi che non ho preparato molti dolci di Carnevale in vita mia ma che quando ho pensato a qualcosa da proporre per festeggiare degnamente il martedì grasso senza dover friggere e senza ritrovarmi a rotolare fino a sera dopo giorni trascorsi a ingoiare frittelle ripiene, mi è venuta in mente questa “ricetta” nata per caso una domenica pomeriggio in cui la mamma ha voluto soddisfare i golosi di casa con un dolcino veloce da mangiare insieme al tè: piccole girelle di sfoglia farcite con marmellata e frutta secca, croccanti, dolci e fragranti. Si preparano in un attimo – a meno che non siate così brave da voler preparare la sfoglia – e fanno sempre un figurone!

La mia ricetta la trovate su CosebelleMagazine!

Stelle di sfoglia con ricotta e canditi al limone e cannella

Adoro la pasta sfoglia, la magia del forno, la pasta che cresce. Adoro la sua fragranza, quella che ha appena uscita dal forno, ancora tiepida. E poi la sua versatilità, perfetta dolce o salata, aperta o chiusa, ripiena oppure no.

E la sfoglia poi, con quel bel colore dorato, fa un sacco Natale.

Io c’ho fatto delle stelle dolci, con un ripieno di ricotta e canditi che profuma di feste, lucine colorate, candele accese e caminetto che scoppietta. Delle stelle che sbrilluccicano con un po’ di zucchero di canna, che ti fanno venire subito voglia di scaldare l’acqua per preparare un tè bollente.

Stelle di sfoglia e aria di festa su LuukMagazine.

Lasagna di farro al pomodoro e ricotta

Ciao. La lasagna e tanto buona che…ciao. E’ buona sempre e comunque, appena fatta, il giorno dopo, riscaldata, fredda, di verdure, con la besciamella, senza. Sempre. E comunque.

E poi, ragazzi, la sfoglia si fa in un attimo. No ma dico sul serio, mica per dire. E’ più l’idea di doversi mettere lì, ma quando sei partita è un attimo ed è pronta. E se la fai tu allora puoi usare tutte le farine che vuoi. E te la puoi anche tirare, che mica tutti si mettono lì a impastare 😉

Tipo io ho usato la farina di farro per questa ricettina sul Cucchiaio.it.

E la sfoglia l’ho farcita con degli ingredienti classici, che quando tagli la lasagna urlano “Italia!”: pomodoro e basilico, ricotta, olio, sale, pepe. E poi c’ho messo un po’ d’affumicato, per gradire. Bontà.

Torta rovesciata di prugne al rosmarino

Idea 1: potrei fare una torta rovesciata! Quant’è buona la tarte tatin?!? (Peccato che le mele mi odino)

Idea 2: potrei fare una torta rovesciata salata! (L’idea del secolo, quanto sono avanti)

Idea 3: potrei fare una torta rovesciata salata ma con della frutta! (No cioè vabbè siamo a livelli esagerati, Giulia datti una calmata che qua manco Cracco)

Idea 4: potrei fare una torta rovesciata salata con le pesche, che stanno tanto ma tanto bene con il rosmarino! (Questo può anche avere senso)

Vado in cucina fantasticando sul risultato, sento già il profumo delle pesche al rosmarino nell’aria. Scopro il cesto della frutta e tadaaaaaaaa niente pesche. Finite, terminate, volatilizzate. Nada.

Ecco che si fa largo l’idea 5: e se provassi con le prugne?!? (Occhio che il rischio idiozia è altissimo)

Fu così che nacque questa ricetta, da mangiare bollente ustionante che altrimenti la mozzarella poi perde quel bell’aspetto filante e la pasta s’affloscia. Ed è un peccato 🙂

P.S: se volete un dolce non troppo dolce questa è perfetta come fine pasto!

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Quiche senza glutine con asparagi e crema di piselli
Insalata con asparagi al timo patate arrostite e ricotta
Gnocchi di patate senza glutine agli asparagi
Spaghetti di riso con verdure e anacardi alle spezie

Seguimi via mail!