Articoli marcati con tag ‘smoothie’

Smoothie barbabietola e mirtilli al lime

smoothie barbabietola mirtilli

Smoothie barbabietola e mirtilli al lime

Se siete sconcertati, lo capisco. Se siete scettici, diffidenti, lo capisco. Ma fidatevi. A volte non bisogna fidarsi della prima impressione. Quindi a meno che non abbiate un rapporto di profondo e radicatissimo odio nei confronti delle barbabietole, date loro una chance (io gliela darei a prescindere ma FATE VOI).

Perché si, è innegabile, hanno un sapore che non a tutti piace, una nota terrosa/ferrosa che a volte può risultare predominante. Ma – c’è sempre un ma – A) hanno un colore bellissimo, vogliamo parlarne? B) fanno benissimo, sono ricche di sali minerali, vitamine, antiossidanti, ferro – prezioso per i vegetariani e preziosissimo per i vegani. Insieme ai mirtilli e il lime in questo smoothie fresco e dissetante sono perfette e vi danno subito una sferzata di energia. In più lo smoothie si può preparare con l’acqua quindi non avete bisogno di avere latte o yogurt in frigo. Il lime, lo zenzero e il lemongrass daranno freschezza e mitigheranno il sapore delle barbabietole, addolcito dai mirtilli. E se ancora non vi basta: è perfetto anche come alternativa analcolica per un aperitivo o una festa. Metteteci dentro tanti cubetti di ghiaccio, una fetta di lime, una pioggia di menta fresca e un fenicottero (finto). Dai, non è bellissimo?

continua >>

Smoothie cocco banana e mirtilli alla chia

Non so per voi, ma per me questo è uno dei periodi dell’anno in cui è difficile lavorare. L’ho detto e lo ripeto: con le giornate di sole, le temperature alte e l’estate che si mostra in tutta la sua potenza, dovrebbe essere illegale stare davanti al pc con l’aria condizionata a bomba, sempre in agguato pronta a farti venire un blocco alle cervicali, cercando di scacciare la noia a suon di gelati e biscotti.

Mi sono presa un paio di giorni a cavallo del weekend per andare ad Amsterdam e raggiungere quel pezzetto di famiglia che vive lì, ho lasciato a casa il pc e mi sono sentita una regina: giornate calde e assolate di cieli azzurri, il vento leggero quando serve, la città viva con la gente fuori, al parco e per le strade, qualche pratica di yoga e un po’ di vita da zia. Giornate preziose che volano via sempre troppo in fretta ma piene di amore e di gioia.

Com’è andata con la dermatite? ‘nzomma, ho sforato qui e là e la mia pelle me l’ha fatta pagare dopo qualche giorno di tregua, ma il rientro è stato anche peggiore quindi non mi posso lamentare. Nelle mie scorribande olandesi ho scoperto come sempre qualche locale carino e qualche prodotto vegan e/o senza glutine per cui impazzire (su IG e su FB trovate qualche foto) e sono tornata con la voglia di smoothie.

Così, manco a dirlo, ho rispolverato un grande classico, uno smoothie vegan e glutenfree che è la base perfetta per una bowl a colazione – arricchito magari con a mia granola – ma anche per una merenda energetica (leggi: per spezzare i pomeriggi di noia).

Super cremoso e naturalmente dolce, non ha bisogno di essere dolcificato ed è anche più rinfrescante se ci aggiungete una fettina di zenzero fresco…

Leggi il resto di questo articolo »

Smoothie banana e caffè al cardamomo

smoothie caffè

Luglio, col bene che ti voglio, sei già arrivato?

E’ assurdo, qualcuno di notte sta sicuramente sabotando i miei orologi, i calendari e tutto quello che mi aiuta a misurare il tempo, spingendo sull’acceleratore mentre io cerco di capire dove sono e dove sto andando.

Vogliamo parlare di vacanze? No, non parliamone.

Parliamo piuttosto di smoothie, di colazioni e di merende fresche e sane, perfette nelle giornate più calde anche per chi – pazzi voi! – non ama sedersi a fare colazione o fa un po’ fatica a mangiare frutta e verdura. Ve ne avevo già parlato qui della mia scoperta degli smoothie, anche quelli green quindi con dentro verdure a foglia verde o altro, e di come me ne fossi fatalmente innamorata nonostante il mio scetticismo iniziale.

Ma per partire dal principio, capiamoci: gli smoothie sono parenti alla lontana dei famosi frullati che la mamma (auguri mamy! <3) mi preparava – rigorosamente con la banana, guarda il caso, e spesso con le fragole – a merenda. Solo che non si preparano con il latte ma con tanta frutta e verdura di stagione, ghiaccio e a piacere yogurt o latte vegetale.

Se non avete mai provato la potenza del “mangia e bevi”, come si chiamavano negli anni ‘90 – forse anche prima? – le coppe gelato con la frutta fresca, fatelo. Avete paura di non essere soddisfatti dal vostro smoothie, di avere fame subito dopo, di sentire la mancanza di qualcosa da mordere? Prima provate, poi ne parliamo.

La bellezza di infilare una cannuccia colorata nel bicchiere – o anche no – o di bere dalla bottiglietta il vostro smoothie home made in queste assolate giornate di luglio farà scomparire ogni dubbio e vi porterà tanta tanta energia (e anche un certo stile).

continua >>

Smoothie verde al cacao e nocciole

smoothie cacao avocado spinaci

Senza perdermi in chiacchiere raccontandovi i retroscena, mi limiterò a dire che da qualche mese cucino molto meno. I motivi sono diversi e tutti validi a essere onesti, ma perdere quest’abitudine da un lato mi manca e dall’altro mi toglie un po’ l’entusiasmo e la voglia di ricominciare.

Cucino ancora ma meno nel senso che sono più ripetitiva, meno creativa, ho meno tempo per stare ai fornelli e dietro la macchina fotografica, pranzo spesso tardi assemblando ingredienti nel piatto cercando di ottenere qualcosa di bilanciato, ceno ancora più tardi con quelle che sembrano più che altro colazioni.

Avrei voglia di mettermi lì a fare una lasagna, a preparare una focaccia, a ammalloppare polpette, invece quello che mi tiene in allenamento sono la granola, i biscotti e le barrette ai cereali, qualche bella insalata e poi cereali conditi con verdure e legumi a seconda delle disponibilità. In questo momento non ho il tempo e l’energia per fare altro anche se ho scritto pagine e pagine di spunti e ricette che vorrei provare presto o tardi…

Niente di grave, ci sono periodi così e non ha senso farne un dramma, l’importante è cercare di continuare a mangiare in modo equilibrato e sano, per quanto possibile.

Tutto questo però mi ha portato in luoghi sconosciuti dove mai avrei pensato di arrivare, ovvero alla scoperta degli smoothie verdi che per tanto tempo ho snobbato. Ora, come già anticipavo con uno dei miei primi esperimenti per Cosebelle Mag, non sono ancora pronta per il cavolo nero e i broccoli a colazione, ma mi sono lasciata guidare dall’avocado e dal cacao per cercare un compromesso fra i bibitoni super healthy che non so se mi sparerei e i frullati super golosi di cui invece mi farei senza sosta…

continua >>

Una vegetariana in cucina goes to Mexico_2

Vi ho raccontato di quello che sto assaggiando e mangiando in questi giorni, dei sapori che ho imparato a conoscere e ad accostare, dei piatti che ho apprezzato di più fino ad ora. Non è tutto, ovviamente, non riuscirò mai a raccontarvi tutto.

Oltre a quello che si mangia, però, c’è anche quello che si beve. Acqua, birra e bibite varie non mancano, ovviamente, ma io vi voglio raccontare di quello che sto bevendo io. Qui tendenzialmente le bevande sono zuccherate, ma non sempre. In questo momento va molto la stevia che qui si trova sia raffinata che in foglie essiccate. Quasi tutto però – parlo di succhi, spremute, smoothies, aguas (bevande a base di acqua e frutta o infusi) e liquados (a base di latte vaccino o vegetale) – si può avere al naturale, senza zuccheri. Basta chiedere 🙂

Fra le cose che ho bevuto in questi giorni e che mi sono piaciute ci sono:

– Limonada: acqua e lime, con o senza scorza, naturale o frizzante, addizionata a piacere con semi di chia, dissetante e fresca. A piacere si può avere anche nella versione con succo d’arancia in stagione (naranjada)

– Tè Chai : un tè nero speziato originario dell’India che qui si può avere anche al latte. Ha un sapore intenso, l’aroma prevalente è quello del cardamomo ma spesso è preparato con zenzero, cannella, anice, chiodi di garofano. Esiste anche la versione verde, il green chai, molto dissetante.

–  Smoothie all’acqua con frutta fresca: il mio preferito è di mango, preparato con frutta fresca frullata con ghiaccio, cremoso e dissetante, perfetto anche come merenda leggera.

– Jamaica: come il karkadè, si prepara con acqua e fiori di ibisco. Leggermente aspra sul finale è molto gradevole e dissetante.

– Chaya: la chaya – anche detta “l’albero degli spinaci messicano” – è considerata un superfood Maya, con tantissime proprietà come il miglioramento della circolazione e della digestione, l’abbassamento del colesterolo, l’aumento della memoria e delle funzioni del cervello (!) Le sue foglie si usano cotte – crude possono essere tossiche – in alcune ricette tradizionali e il succo viene unito a ananas, limone e menta in una bibita verde fresca e molto diffusa.

Menzione speciale per due dolci più o meno locali che ho assaggiato qui: i churros – tipicamente spagnoli ma diventati tradizionali anche in Messico – ovvero una pastella fritta a bastoncini e servita con crema, cioccolato o zucchero e cannella e le marquesitas che ricordano le crepes ma si fanno con una pastella di soli albumi, croccanti e leggerissime, dolci o salate.

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Quiche senza glutine con asparagi e crema di piselli
Insalata con asparagi al timo patate arrostite e ricotta
Gnocchi di patate senza glutine agli asparagi
Spaghetti di riso con verdure e anacardi alle spezie

Seguimi via mail!