Articoli marcati con tag ‘verdura’

Valeriana piselli e fagiolini con feta e mandorle

Ok, pare quasi che abbia deciso di aprire una rubrica dedicata alle insalate. Non è così, o almeno non era questa l’intenzione, non ho pianificato di postare due ricette in fila d’insalate…a dire il vero di solito pianifico e invece stavolta è andata così, è successo che quello che in questi giorni di sole finisce nel mio piatto è finito anche sul blog 🙂

Che le insalate le lovvo già lo sapete, che sono perfette per la pausa pranzo già ve l’ho detto, che sono super creative lo stiamo scoprendo strada facendo. Le alternative sono davvero tantissime-issime.

E allora per quest’insalatina che trovate su Cosebelle <3 mettiamo insieme crudo e cotto, frutta secca e formaggio di capra. Shakeriamo il condimento – che è anche un ottimo esercizio per le ali d’angelo, quelle orrende tendine che sventolano sotto il nostro bicipite (o presunto tale) quando facciamo la prova del ciao in canotta o quando saliamo le verdure con il salino – e il gioco e fatto.

Quindi: pranzo leggero, ricetta facile, schiscetta pronta in un attimo e condimento che tonifica…svariati piccioni con una fava direi 😉

Crema di sedano rapa

Che poi qualcuno non mi venga a dire che le zuppe sono difficili da fare. O che sono tristi, noiose, banali. Le zuppe sono il mio personalissimo comfort food invernale. Almeno due volte la settimana finiscono in tavola fumanti e colorate, pronte ad accogliermi dopo una giornata pesante, una passeggiata sotto la pioggia, una lezione di yoga. Un concentrato di verdura sano e rassicurante, che ogni volta potete accompagnare con qualcosa di diverso. Oggi vi propongo la crema di sedano rapa con le noci. Ma vi dico già che questa sarà solo la prima di una lunga lista di zuppe, minestre e vellutate. Senza di loro, che inverno sarebbe?

continua >>

Tofu al balsamico con finocchi e mele

Allora, diciamo le cose come stanno, il tofu, di per sé, non è il top. La mia prima esperienza con il suddetto, circa 5-6 anni fa, è stata tragica. All’epoca non c’era molta scelta, ho preso l’unico panetto esistente, mancostavanelbancofrigo. Mah. Una volta a casa l’ho aperto timorosa, ne ho preso un pezzetto così, “a crudo” (coraggiosa!) e l’ho assaggiato: oddio, è polistirolo. Credevo mi avessero spacciato per tofu un materiale per imballaggi. Dal nostro primo incontro ad oggi sono stati fatti passi da gigante. Oggi ci sono vari tipi di tofu al naturale e la consistenza è molto più piacevole, si tratta di trovare quello che preferite. Io cerco il sapore più neutro possibile (non è che si sbagli di molto eh) perché per mangiarlo volentieri DEVO caratterizzarlo. Due le mie strategie:  la prima – la mia preferita – è tritarlo e unirlo ad altri ingredienti per poi formare burger, polpette, crocchette&co, come ho fatto con le polpette alle melanzane; la seconda è quella che vi propongo oggi, ovvero farlo marinare. Ma marinare come se non ci fosse domani. E allora dai, che tofu sia.

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Crackers senza glutine ai semi di chia
Quiche senza glutine con asparagi e crema di piselli
Insalata con asparagi al timo patate arrostite e ricotta
Gnocchi di patate senza glutine agli asparagi

Seguimi via mail!