crackers riso senza glutine
Finger food e antipasti,  Senza glutine,  Snack salati,  Vegan

Crackers di riso senza glutine

Si dice spesso che le cose (e le persone) comincino a mancarti quando non puoi più averle.

Il potere della mente è infinito ed è in grado di innescare sensazioni ed emozioni, è capace di modificare il nostro atteggiamento e il nostro comportamento e di indirizzarci in un senso semplicemente perché cominciamo a pensare a qualcosa.

Se mi conosci o mi leggi da un po’ sai che sono abituata ai regimi alimentari rigidi e alle restrizioni, la mia motivazione (leggi: stare bene) alimenta la mia forza di volontà e mi ha insegnato nel tempo a essere flessibile, creativa e adattabile.

Nella mia vita precedente, quando ancora mangiavo tutto, non avevo l’abitudine di mangiare il pane a ogni pasto, grissini, crackers. Il pane serviva per i panini, ogni tanto tostato per la colazione e in quei momenti in cui mi coccolavo, come quando ero in vacanza nella casa al mare dei nonni e andavo a prendere le tartarughe in panificio. I crackers erano la merenda o lo snack comodo da portarsi in giro, ma a tavola non c’erano mai.

Quando ho dovuto togliere definitivamente il glutine, ho iniziato ad avere voglia di crackers (e di pane e di pizza e di brioches…sì dai, occhei). Credo che questa mia passione per crackers e biscotti dipenda dalla consistenza e dalla dimensione: entrambi sono piccoli e croccanti, stanno dentro un barattolo di vetro e si possono mangiare seduti sul divano 😉

La mia salvezza è stata all’inizio la farina di ceci: ho iniziato con i taralli, poi i crackers alla curcuma che hanno conquistato tutti. E senza farina di ceci? Come si fa a fare dei crackers con la farina naturalmente senza glutine senza dover aggiungere ingredienti strani? Mi sembrava impossibile. DRAMMA.

Poi ho iniziato a sperimentare e sono nate tutte le mie versioni di crackers che trovi qui, fino a quando sono arrivata a questi: i crackers di riso senza glutine sono anche vegan e si preparano solo con la farina di riso. Gli ingredienti in totale sono 4 (si, hai letto bene), per preparare l’impasto ci vogliono meno di 5 minuti e tutto quello che serve è un po’ di manualità per stenderli dello spessore giusto e un po’ di occhio per portarli alla cottura perfetta. Si tratta di farci la mano.

Questi crackers sono stati testati ormai da chiunque riscuotendo sempre enorme successo, perfino la mia amica Chef mi ha chiesto la ricetta dopo averli assaggiati da me a Capodanno…e se non è una soddisfazione questa!

Non ti servirà più comprare i crackers (ma con tutte le ricette che trovi sul blog questo spero non lo facessi già da un po’) e non ci sarà più nessuna distinzione fra chi mangia senza glutine e chi con il glutine…serviranno solo teglie capienti per raddoppiare le dosi!

crackers riso senza glutine

Ingredienti

150 g di farina di riso

110 g di acqua

20 g d’olio extravergine d’oliva

1 cucchiaino di sale

Opzionali

erba aromatiche

fior di sale o sale Maldon

crackers riso senza glutine

Per preparare i crackers ci vogliono pochissimi minuti: mescola la farina con il sale e le erbe aromatiche (se le metti), aggiungi l’olio e comincia ad amalgamare. Prosegui unendo l’acqua, poco per volta.

Il composto risulterà appiccicoso, non ti preoccupare, servirà solo un po’ di pazienza.

Stendi il composto fra due fogli di carta forno con l’aiuto del mattarello in modo da formare una sfoglia super sottile*

Scopri la sfoglia, aggiungi il sale in fiocchi se ti piace e incidila per formare i crackers.

Inforna a 180° fino a doratura, quando togli i crackers dal forno dovranno già essere croccanti e non elastici anche se sono caldi. Falli raffreddare prima di dividerli con l’aiuto delle incisioni.

Conservali in un barattolo a chiusura ermetica.

*i crackers sono molto croccanti ma se li lasci troppo spessi risulteranno duri! Se non riesci a stenderli sottili sostituisci 25 g di farina con 25 g di amido di riso così anche se sono spessi saranno più friabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.