Tofu agli agrumi e cardamomo e zucca

Sono vegetariana da qualche anno ormai, mi piace la cucina vegetariana e trovo difficile e sfidante quella vegana. Amo sperimentare e non mi abbatto al primo tentativo fallito, provo nuovi ingredienti, faccio tentativi, mescolo, assaggio.

Detto questo continuano ad esserci alcuni alimenti, tendenzialmente quelli più lontani dalla nostra tradizione gastronomica, che fatico a farmi piacere. Fra questi – ho già fatto outing dunque vado tranquilla -, c’è anche il tofu.

Un bel panetto di tofu da azzannare a merenda, sul divano davanti alla tv…ehm, anche no,  grazie.

Ho sperimentato varie marche – no, a farlo da me non c’ho provato – e ho trovato quelle che preferisco, c’è un abisso fra l’una e l’altra quindi vale la pena provare. Eppure così, di per sé, il tofu non mi ha sedotta. Però è ottimo – dico davvero – in tantissime preparazioni, serve ad addensare, dona cremosità ed è facilmente caratterizzabile, visto il suo sapore abbastanza neutro.

Dunque dopo polpette, burger e quant’altro, oggi vi propongo un tofu “di stagione” profumato agli agrumi e cardamomo.

>

Ingredienti (per 4)

240 g di tofu al naturale

200 g di zucca pulita

2 clementine

1 pompelmo rosa

bacche di cardamomo

olio evo

sale

pepe

semi di zucca

farina di riso – facoltativa

Lavate il tofu, asciugatelo bene e fatelo a dadini.

Spremete le clementine e il pompelmo – se sono bio grattugiate anche un po’ di scorza – aggiungete un paio di bacche di cardamomo schiacciate, un pizzico di sale e mescolate bene. Unite il tofu a dadini e lasciatelo riposare un paio d’ore coperto, mescolandolo di tanto in tanto.

Fate a dadini anche la zucca e rosolatela in padella con olio, sale e pepe fino a quando sarà morbida all’interno.

Mettete da parte la zucca e nella stessa padella, a fuoco vivace, fate saltare il tofu scolato dalla marinatura fino a quando si formerà una bella crosticina all’esterno.

A parte, in un padellino antiaderente, tostate i semi di zucca.

Aggiungete al tofu la zucca e fate cuocere ancora qualche minuto regolando di sale e pepe, con qualche cucchiaio di marinatura.

Rimettete la marinatura in padella a fuoco lento e fatela addensare bene – se servisse potete aggiungere un po’ di farina di riso, ma vedrete che a questo punto sarà già densa – poi servite la salsa con il tofu, la zucca e i semi di zucca tostati.

6 Commenti a “Tofu agli agrumi e cardamomo e zucca”

  • alice:

    l’ho provata oggi, dato che non avevo il pompelmo ho utilizzato un arancio e la salsina è venuta davvero buona e particolare:)
    avevo già provato diverse ricette con il tofu ma mai con un risultato così appetitoso!!consiglierò sicuramente

    • GcomeCarolina:

      grazie alice, sono molto felice che ti sia piaciuta! hai fatto benissimo a usare l’arancio 🙂 secondo me il tofu ha solo bisogno di essere un po’ “coccolato” per dare il meglio di sè 😉

  • Enrica:

    Sono alle prime armi e vegetariana da poco. Sono perfettamente d’accordo quando dici che il tofu è diverso da marca a marca. A me non piace ancora molto (ma dovrò farmene una ragione e utilizzarlo), ma vorrei un consiglio su che marca scegliere, visto che a me piacciono i cibi saporiti. Proverò la tua ricetta e cercherò pure io di sperimentare. Grazie

    • GcomeCarolina:

      Ciao Enrica, guarda io di solito, al contrario di te che ami i cibi saporiti, scelgo il tofu più “neutro” in modo da poterlo caratterizzare di volta in volta come mi va. In ogni caso consistenze e sapori variano a seconda della tipologia, ho assaggiato un tofu una volta cucinato da uno chef e mi è piaciuto moltissimo ma quando l’ho ricomprato non sono riuscita a mangiarlo proprio per il suo sapore! Ti consiglio di fare qualche prova, quando lo compri assaggialo così com’è (un pezzettino) e poi prova a ricettarlo, così capirai quale preferisci in base alle esigenze e alle ricette. E buona sperimentazione 😉

  • Ciao! Hai ragione il tofu va proprio “coccolato” per fargli dare il meglio di sè… La cosa che più si impara ad apprezzare del tofu – nel tempo – è la sua capacità di poter essere abbinato a una varietà di gusti infiniti, sia salati che dolci 😉
    Comunque complimenti: questa è una ricettina da provare a fare sicuramente!!

    • GcomeCarolina:

      Assolutamente d’accordo! Non vale arrendersi al primo tentativo, bisogna “applicarsi” per avere soddisfazioni 😉
      Grazie e complimenti a voi per le belle ricette!

Lascia un Commento

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Barrette vegan con avena e noci
Orzo al pesto di spinacini e mandorle con edamame
Brioches vegan di segale integrale
Zuppa al latte di cocco e curry

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: