Torta di carote


Primi post, prime ricette. Ed ecco un dolce (guarda caso).

Colore caldo, consistenza soffice, impasto umido, sapore delicato. La torta di carote è un dolce di famiglia, ricetta della nonna che passa di generazione in generazione senza fare un plissè. Una di quelle torte jolly che puoi giocarti in qualsiasi momento, perché sai che LEI non ti tradirà. MAI. E poi è un dolce di quelli che si danno un tono, adatto anche ai palati più raffinati. E se fra i vostri ospiti ci sono uomini, negate fino alla morte di aver usato le carote “Verdura nella torta? Io le carote le mangio solo in insalata”. Dite, chessò, che sono le arance a darle un tono abbronzato…Non se ne accorgeranno, credetemi.

E ora, visto che la parte più complessa è triturare le carote, armatevi di grattugia e partite. Non avete idea della soddisfazione che vi darà questa torta (e neanche dei bicipiti che avrete dopo la grattugiata).


Ingredienti

500 g carote pelate e mondate
350 g zucchero
6 uova
3 cucchiai di farina (anche di farro, riso ecc.)
240 g di mandorle tritate
1 limone bio

Preparazione

Preriscaldate il forno a 180°.
Tritate o grattugiate finemente le carote già pulite e separategli albumi dai tuorli.
In una ciotola capiente sbattete con le fruste i tuorli con lo zucchero, aggiungete la farina, la scorza grattugiata e il succo del limone. Unite anche le carote strizzate e le mandorle tritate mescolando bene.
Montate gli albumi a neve con un pizzico di sale (lavate con cura le fruste se riutilizzate le stesse) e aggiungeteli al composto con movimenti dal basso verso l’alto.

Rivestite uno stampo con cerniera con carta da forno, imburrate e infarinate il bordo, versate il composto e infornate per circa 45-50 minuti, fino a quando i bordi della torta si saranno scuriti.

Servite con un cucchiaio di yogurt greco se vi piacciono i contrasti, con una pallina di gelato alla vaniglia se amate i classici oppure assaggiatela da sola, non comprerete mai più le tortine alle carote del supermercato 😉

 

9 Commenti a “Torta di carote”

  • Valentina:

    Conoscevo la versione con l’arancia. La farò nel we!
    Grazie

  • Felice di tornare a casa per qualche giorno e di avere un forno a mia disposizione tra meno di 24 ore! 🙂

  • GcomeCarolina:

    Evviva!! Dovrai approfittarne per una full immersion, solo ricette che prevedono la cottura in forno 🙂 E se fai dei biscotti, poi te li puoi portare a casa, lì dove il forno non c’è 🙁

  • S.R.:

    Ciao volevo provare questa ricetta, ma non è prevista l’aggiunta di lievito nell’impasto??

    • GcomeCarolina:

      Ciao Serena, no niente lievito in questa torta, ci pensano gli albumi montati a neve a farla “crescere” 🙂

  • Ang:

    Ciao, ho provato a fare la torta ma mi è venuta tanto tanto dolce. La dose dello zucchero di 350 g è giusta? 🙂

    • GcomeCarolina:

      Ciao! Sì, questa è una torta molto golosa ma molto zuccherosa 🙂 Fa parte del repertorio classico ed è stata presa e riportata tale e quale dal ricettario di nonna prima che le mie sperimentazioni veg e “senza” cominciassero! Senza dubbio oggi è molto molto dolce e varrebbe la pena provare delle variazioni riducendo lo zucchero.

  • Ang:

    Allora proverò perché è veramente buona! Grazie delle tue belle ricette!!

Lascia un Commento

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Curry di verdure con sorgo al cocco e albicocche
Torta salata con melanzane perline e datterini
Gelato vegan cioccolato e cocco
Insalata alla greca con feta e olive

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: