Pasta

Pagina 5 di 9« Prima...34567...Ultima »

Spaghetti di farro con carciofi e lenticchie

Quello che sto per dire non piacerà a molti, preparatevi, e se siete deboli di cuore, cambiate blog. No, fermi tutti! Ma devo dirvelo, devo, avete il diritto di sapere: con il latte di soia si fanno le magie. Magie in cucina, ovviamente. Lui – il latte – con la sua lecitina – della soia – fa cose a cui crederete solo dopo averle viste con i vostri occhi.

E non parlo solo della maionese – se non avete mai provato a farla filate subito in cucina! Io l’ho preparata qui – ma della consistenza vellutata che regala alle salse, della cremosità che acquista quando vuoi macchiarti un caffè.

Non sono una pazza visionaria e non sono neanche un’invasata. Sono la stessa che vi ha detto da sempre che il tofu si può rendere davvero irresistibile ma che così, mangiato dal panetto, anche no. Sono la stessa che dice a chi le chiede cosa mangia a colazione che a volte mangio lo jogurt di soia. Al naturale, perché non posso ingerire zuccheri. E che non è male, no, bisogna un po’ abituarsi, all’inizio ricorda il sapore del ragù (aiuto).

Insomma diciamocelo, al sapore della soia bisogna abituarcisi. Serve la pazienza di trovare i prodotti che si avvicinano al nostro gusto, serve la costanza di non mollare per far abituare il palato a sapori nuovi, serve la voglia di cucinare o semplicemente mescolare e creare accostamenti diversi per rendere questi alimenti più appetitosi. Ecco. Ma non è una novità, è come quando da bambini le zucchine dovevano mettervele nelle polpette. Uguale.

Però quando avrete trovato il vostro latte di soia del cuore, potrete farci di tutto. E lui vi stupirà ogni volta.

E quando assaggerete la crema di carciofi e lenticchie con cui ho condito questi spaghetti di farro, e sentirete la consistenza vellutata, mi crederete.

Ora lascio fare a lui – il latte di soia -, io ho già detto troppo. La ricetta è vegan ed è su IlCucchiaio.it!

Ravioli al radicchio con zabaione, mandorle e pepe rosa

Sulla nostra tavola di Natale si alternano ogni anno primi diversi ma il comune denominatore è la pasta fresca. Che siano tagliatelle, maltagliati, lasagne o ravioli, la pasta fresca a casa mia è sinonimo di festa.

E considerato il periodo e le mie origini, non potevo che riempire i ravioli a stella (sono in fissa, lo so) con il radicchio tardivo, tipicamente veneto, tipicamente trevigiano, tipicamente invernale.

La pasta stavolta è un po’ strong, farro integrale e saraceno danno un aspetto più rustico e una consistenza un po’ più ruvida al raviolo, perfetta a mio parere per un ripieno amaro e di carattere come quello al radicchio.

Per ingentilirli e dare un’aria più chic – che è pur sempre IL giorno di festa -, uno zabaione salato, mandorle a scaglie e pepe rosa.

Non sono carini?!? Se vi ho convinti la ricetta la trovate su IlCucchiaio.it 🙂

Spaghetti di farro con ceci al rosmarino e limone

 

Una pasta è sempre la soluzione migliore quando arrivi a casa affamata e non hai tanto tempo per stare ai fornelli. Questi spaghetti sono una vera delizia e se avete i ceci pronti – o avete in dispensa quelli cotti al vapore per le emergenze, che mica sempre uno può permettersi di dedicare delle ore alla cottura di quelli secchi – saranno pronti in pochissimo tempo.

L’olio aromatizzato è una delizia e potete prepararlo anche in anticipo, darà un tocco in più ai vostri piatti.

E la rucola?!? Si quella ce l’avete in frigorifero, lo so 😉

  continua >>

Pasta acqua e farina al pomodoro e ricotta

La pasta nasce così, impastando acqua e farina. La gioia che mi regala impastare è incredibile, non credevo potesse darmi tanta soddisfazione. E invece la soddisfazione è almeno tanta quanto quella di poter mangiare un piatto di pasta al pomodoro preparato con le proprie mani. Niente di più tradizionale, niente di più italiano.

Serve davvero poco per preparare l’impasto, stenderlo e tagliarlo. Cuoce in pochi minuti e si sposa a meraviglia con i sughi cremosi e con i condimenti vegetariani.

Le nonne sono maghe in queste preparazioni, hanno una manualità pazzesca ma io non sono altrettanto brava, quini ho preferito limitarmi a un formato “base”, pasta for dummies praticamente.

Il risultato sono i maltagliati di kamut al pomodoro e ricotta che trovate oggi sul Cucchiaio.it (basilico come se piovesse!!!)

Gnocchetti di saraceno con ceci e limone

Ho comprato degli gnocchetti di saraceno. Gnocchetti pasta, intendo dire. Bellissimi, di un bel grigio scuro melange. Li avevo lì, ma ero un po’ spaventata conoscendo bene il sapore del grano saraceno, intenso, un po’ amaro.

Mi sono chiesta a lungo cosa farci, poi, come un’illuminazione. Ci voleva un condimento deciso ma fresco, per smorzare il sapore del saraceno senza coprirlo. Però serviva anche una crema per avvolgere gli gnocchetti.

Dunque nella mia testa si sono fatti strada i ceci e il rosmarino, accoppiata vincente. Il limone e i pomodorini per l’acidità che volevo. E un peperoncino al posto del pepe, per dare lo sprint.

E’ nata così la ricetta vegan che trovate oggi sul Cucchiaio.it, ed è piaciuta anche a mio padre che, per dirla in modo carino, non ama sperimentare. Credo sia un buon segno 😉

Pagina 5 di 9« Prima...34567...Ultima »

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Resta aggiornato via mail!
Rispettiamo la tua privacy
Crema di zucca cannellini e carote allo zenzero
Torta di pere e anacardi senza zucchero
Riso venere con cavolfiore, carote e batate viola
Granola senza glutine al cocco

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: