Pasta

Spaghetti integrali con pesto di sedano e pistacchi

Che il pesto è il massimo per condire la pasta l’ho già detto? C’ho un età ormai per cui mi domando quante volte vi ho ripetuto le stesse cose. Voi lì a leggere e pensare “questa è veramente andata”. Non è che sono noiosa e non ho niente da dirvi eh (no vero?), è che sono stordita di mio, da sempre. E c’è chi può testimoniarlo. Abbiate pazienza.

Comunque se non l’ho detto lo dico adesso. Il pesto mi piace un sacco. Non c’ho il mortaio, non faccio prove di bicipiti e cose così però ho un minipimer a cui presto farò fondere il motore, non ho dubbi. Frullo tutto ormai, apro il frigo e butto dentro quello che c’è, se ho delle verdure o dei legumi lessati è la fine. A volte il risultato non è dei migliori, cromaticamente parlando. Tipo l’altro giorno avevo un rimasuglio di lenticchie e dei piselli, tutto lessato, e c’ho aggiunto anche delle carote, sempre lessate. C’ho messo le spezie ed è venuta una crema deliziosa, sul serio, ma il colore ragazzi…diciamo che è meglio mangiare ad occhi chiusi per non farsi suggestionare. Poi dopo mi succede di vedere qualcuno alla tv che fa la stessa cosa e gli vengono delle cremine di colori accesi e brillanti, belline proprio. Non so dove sia il trucco ma di certo c’è, e non è quello del ghiaccio. O forse sì? Certo se tutte le volte che lesso qualcosa devo anche passarlo in acqua e ghiaccio siamo a posto. Non ho neanche le scatoline per fare i cubetti di ghiaccio. Ma infondo è la stessa storia delle zuppe e delle vellutate, per farle buone non ci vuole tanto ma per fare in modo che siano presentabili ragazzi bisogna scegliere con cura gli ingredienti. Non troppo marroncino, non troppo verdino…un delirio.

Beh comunque questo pesto è venuto proprio carino, mi è andata bene. C’è il sedano bianco, ci sono i pistacchi, il basilico e poi succo e scorza di limone (vuoi non metterli?). La ricetta vegan su IlCucchiaio.it

Spaghetti al pesto d’olive con datterini e mozzarella

Che sono una #pastalover – come si dice adesso in questo mondo di hashtag – già lo sapete. E infatti quando si dice “eh si, gli stereotipi…italiani pizza pasta mandolino” io dico mah, non è che sia così male, sul mandolino non sono ferrata ma pizza e pasta per me sono sinonimo d’Italia. E a dirla tutta, pizza e pasta sono delle robe buonissime, quindi insomma dai, non credo sia questo il problema.

Bando alle ciance, stavamo parlando di ricette. Questa è una ricetta rispolverata, una che facevo spesso tempo fa e che è entrata nei menù estivi perché è veloce, saporita, facile. E non c’è niente da fare, pesto wins. Io e il mio amico minipimer siamo inseparabili quando si tratta di condire una pasta al volo – si lo so che il pesto vero si fa con il mortaio ma io il mortaio non ce l’ho, non saprei dove metterlo e poi c’ho sempre fretta quando faccio la pasta, però amo tutti voi che state lì a pestare e che avete di certo dei “muscoli del ciao” super tonici, altro che i miei. invitatemi quando pestate, io mangio –, frulliamo all’impazzata qualsiasi cosa e alla fine il risultato è sempre ottimo.

E una ricetta così, facile, veloce e saporita, per chi potevo farla se non per CosebelleMag?

Spaghetti ricotta e olive con briciole all’origano

La pasta è sempre stata in cima alla lista dei piatti che amo. Sì, io sono una di quelli che – banalmente – sostengono che con una buona pasta al pomodoro si possa risolvere anche la cena più improbabile, che un piatto di spaghetti fatto come si deve sia sempre e comunque La Risposta.

A causa delle intolleranze ho dovuto bandire la pasta di grano – e così anche tutti quei meravigliosi formati tipo i radiatori, le mafalde eccetera – e ho cominciato a usare pasta di altri cereali. Le più gettonate sono quella di farro, davvero deliziosa a mio parere, e una pasta senza glutine di mais, quinoa e riso capace di tenere la cottura e di accogliere il sugo. Inevitabilmente però, nel complesso il mio consumo di pasta si è notevolmente ridotto, sarà per questo che quando in tavola porto un piatto di spaghetti il mondo torna a sorridermi?

Non lo so, ma so che con la pasta mi piacciono i sughi semplici, avvolgenti e saporiti, e che questa ricetta con crema di ricotta alle olive e briciole di pane all’origano mi ha davvero conquistata.

La ricetta su IlCucchiaio.it

Spaghetti con crema di avocado al latte di cocco

Amo i profumi e i sapori esotici che mi ricordano il mare, il sole e luoghi lontani. Sono completamente pazza per l’avocado, il latte di cocco e il lime. Adoro gli anacardi e metterei  zenzero e menta un po’ ovunque. Questa ricetta vegan – forse un po’ fusion – è nata mettendo insieme le cose che mi piacciono e sfidando la tradizione con un piatto di spaghetti. Niente riso, niente noodles, ma spaghetti (per me glutenfree di riso, quinoa e mais) conditi con una crema avvolgente e liscia di avocado al latte di cocco e lime. Un sapore insolito, insieme dolce, aspro e piccante che non convincerà di certo tutti ma che senza dubbio ha conquistato me portandomi in un viaggio sensoriale dall’altra parte del mondo 🙂

  continua >>

Pasta al forno con cavoletti di bruxelles e formaggio

La pasta al forno non è fra le ricette più gettonate della mia tradizione familiare eppure io, che sono un’amante della pasta al dente – cioè l’esatto opposto della pasta al forno che inesorabilmente tende a scuocere – sono sempre attratta da questo tipo di ricette. Forse perché mi ricordano i tempi del liceo, quando tornavo alle due e mezza e mi riscaldavo la pasta che era stata lessata qualche ora prima che in padella si stracuoceva ma al tempo stesso si caramellava nel sugo, diventava saporitissima e io, super affamata, la divoravo.

Il concetto non è lo stesso ma il risultato ci assomiglia. E in questi giorni di primavera pazzerella con le temperature in discesa una pasta al forno con gli ultimi cavoletti può essere un’idea golosa per un pranzo ricco.

Così il giorno in cui ho lessato i cavoletti e mi sono ritrovata a pranzo uno che praticamente non li aveva mai mangiati in vita sua, ho cercato un modo per renderglieli irresistibili. E li ho usati per condire una pasta, l’ho farcita con il formaggio, arricchita con briciole di pane al limone profumato al timo e l’ho ripassata in forno. Poi ho scoperto che anche la mia amica Silvia non sapeva come proporre a suo marito i cavoletti di Bruxelles e ha pensato, proprio come me, di condirci una pasta arricchendola con del formaggio…spazzolata anche la sua. Ma allora gli uomini sono davvero tutti uguali 😉

continua

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Tofu impanato ai semi di zucca e capperi
Riso rosso con verdure al forno e cicerchie speziate
Crostatine vegan al cocco e cioccolato
Polpette di lupini e riso ai pistacchi

Seguimi via mail!

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: