Articoli marcati con tag ‘contorno’

Zucca in saòr

Oggi vi racconto della mia prima volta in cucina con una cipolla rossa di Tropea, fatta di lacrime e finestre spalancate.

Chi mi conosce ben sa che non mangio aglio e cipolla e che quindi, nella mia cucina, difficilmente si trovano questi due ingredienti. Cedo di tanto in tanto alla dolcezza dei porri e uso l’erba cipollina del mio terrazzo ma niente di più. E quindi una cipolla intera, io, non l’avevo mai affettata. Non avevo mai avuto gli occhi lucidi per una cipolla, solo per film strappalacrime e bigliettini affettuosi. Ma c’è sempre una prima volta, e la mia è per una buona causa, per un piatto davvero goloso che ho preparato per IlCucchiaio.it. Un piatto che ha radici nella cucina tradizionale veneta – veneziana nello specifico – e che passando dalla mia cucina ha subito alcune variazioni e una trasformazione vegan. Zucca al posto delle sarde della ricetta originale, cipolla rossa al posto della bianca. Poi uvette e pinoli, un classico. Una cottura lenta e un riposo ancora più lungo.

Devo ammettere che la bellezza del colore intenso della cipolla mi ha affascinata. E che il suo alternarsi con l’arancio della zucca è davvero meraviglioso. Per l’assaggio io mi sono affidata a esperti del settore 😉 e adesso passo la palla a voi: preparatevi a piangere lacrime dolcissime.

Broccoli al forno con pane al peperoncino, capperi e mandorle

Lo so che i broccoli non sono fra gli ortaggi più gettonati, in generale. I bambini non li mangiano facilmente, gli uomini spesso storcono il naso. Se ci aggiungete anche il fatto che cucinarli non riempie propriamente la casa di profumo di rosa, i motivi per non prepararli sono sempre di più. Eppure i broccoli fanno benissimo. Appartengono alla famiglia delle crucifere, sono ricchi di  betacarotene, vitamina A e C, potassio e magnesio, sono ricchi di antiossidanti, hanno un’azione antietà e preventiva nell’insorgenza di tumori. Vi ho convinti?! Io li adoro – come adoro quasi tutte le verdure del mondo – e quindi non potevo non pensare a una ricetta che li vedesse protagonisti ora che la stagione sta finendo. Per renderli davvero saporiti li ho ripassati al forno con pane, peperoncino, capperi e mandorle. Non sono bellissimi??

La ricetta la trovate su IlCucchiaio.it.

Teglia di verdure invernali a stella

Vi ho per caso già parlato della mia ossessione per le stelle?!? O avete avuto modo di scoprirla da soli?!

Sono un po’ in fissa con le stelle, ok, ma quale periodo migliore per sfogare questa  mia passione anche in cucina se non il Natale?

Per ogni pranzo che si rispetti serve anche un contorno, specie se parliamo di vegetariani che di verdure non ne hanno mai abbastanza.

Che sia estate o inverno io sono una sostenitrice delle verdure al forno, una delizia che si prepara in modo semplice e garantisce un risultato ottimo sempre. Non ci credete?

Il lavoro più grosso riguarda pulizia e taglio delle verdure, poi potrete metterle in forno tutte insieme e dimenticarvene fino a cottura. L’unico sforzo che dovrete fare sarà quello di scegliere che verdure mettere insieme e quali erbette utilizzare per profumarle.

Per il contorno da proporre anche a Natale io ho messo insieme patate, sedano rapa e zucca e li ho conditi con del pane integrale con salvia e rosmarino.

Facilissimo! E così io mi sono tolta anche lo sfizio di ritagliare le verdure a stella 😉

La ricetta oggi su CosebelleMag insieme a un bellissimo DIY per la tavola di Natale!

Tofu al balsamico con finocchi e mele

Allora, diciamo le cose come stanno, il tofu, di per sé, non è il top. La mia prima esperienza con il suddetto, circa 5-6 anni fa, è stata tragica. All’epoca non c’era molta scelta, ho preso l’unico panetto esistente, mancostavanelbancofrigo. Mah. Una volta a casa l’ho aperto timorosa, ne ho preso un pezzetto così, “a crudo” (coraggiosa!) e l’ho assaggiato: oddio, è polistirolo. Credevo mi avessero spacciato per tofu un materiale per imballaggi. Dal nostro primo incontro ad oggi sono stati fatti passi da gigante. Oggi ci sono vari tipi di tofu al naturale e la consistenza è molto più piacevole, si tratta di trovare quello che preferite. Io cerco il sapore più neutro possibile (non è che si sbagli di molto eh) perché per mangiarlo volentieri DEVO caratterizzarlo. Due le mie strategie:  la prima – la mia preferita – è tritarlo e unirlo ad altri ingredienti per poi formare burger, polpette, crocchette&co, come ho fatto con le polpette alle melanzane; la seconda è quella che vi propongo oggi, ovvero farlo marinare. Ma marinare come se non ci fosse domani. E allora dai, che tofu sia.

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Crackers senza glutine ai semi di chia
Quiche senza glutine con asparagi e crema di piselli
Insalata con asparagi al timo patate arrostite e ricotta
Gnocchi di patate senza glutine agli asparagi

Seguimi via mail!