Articoli marcati con tag ‘ROBIOLA’

Gnocchi di patate senza glutine agli asparagi

gnocchi patate asparagi

La routine può essere confortante. Nella tua routine crei uno spazio sicuro in cui ti muovi senza troppa paura, conosci i meccanismi, ritrovi situazioni, persone e ritmi regolari.

Bello, ma quanto potenziale c’è nella routine e quanto ce ne sarebbe nel cambiamento?

A volte capita di accomodarsi un po’ troppo dentro la propria routine, finendo per trasformare la propria vita in un film già visto, in una struttura fissa che si ripete senza il minimo di consapevolezza. Il rischio è diventare automi invece che attori protagonisti delle proprie vite.

Il cambiamento fa paura. Ti costringe a fare qualcosa di nuovo, ad assumerti dei rischi, a prendere in considerazione anche la possibilità di sbagliare e di cadere. Quando cambi le carte in tavola la partita può prendere un’altra piega. E magari tu non ti senti pronto a rinunciare a quella partita che forse non stai stravincendo ma tutto sommato prosegue da tempo e ti stare tranquillo. Ma chi te lo dice che questo ti salvi dal rischio di sbagliare e cadere?

Quanto potenziale sprecato rischia di esserci in una vita vissuta in superficie, trascinandosi dentro uno schema abituale in cui le vere scelte sono davvero poche?

Per cambiare serve scegliere. Scegliere è roba difficile, solo per veri brave heart. Perché ogni volta che scegli, rinunci a qualcosa, anche solo temporaneamente. E a nessuno piacciono le rinunce.

Ancora una volta, a costo di essere noiosa, credo che ci voglia la giusta via di mezzo, che serva bilanciare bene gli ingredienti: una buona dose di routine che ci rassicura, un pizzico di cambiamento qua e là per tenere accesa la fiamma della vita. Cosa ve ne pare di questa ricetta? Com’è la vostra?

E adesso dai, diciamola di nuovo la solita frase: in fondo la cucina è un po’ come la vita. Serve dosare bene gli ingredienti e mantenere una base solida, ricette consolidate e certezze, mescolandole con qualche esperimento e slancio creativo. Così come non potrei vivere una vita sempre uguale, non potrei mai pensare di mangiare per tutta la vita secondo uno schema fisso e non potrei immaginare la mia cucina sempre identica a se stessa.

Così è arrivato il turno degli gnocchi, dopo tantissimo tempo che non li facevo. Trovate tante ricette di gnocchi diverse qui, ma quelli di patate non li avevo mai preparati prima. Ed è stata una soddisfazione bellissima, oltre che buonissima.

Potendo mangiare le patate (novelle), mi sono cimentata in una versione a prova di Giulia tutta senza glutine, cercando di non usare solo amido ma anche una parte di farina di riso, sia per la consistenza che per la salute. Io non sopporto gli gnocchi duri, per questo prediligo sempre impasti morbidi da fare al cucchiaio o con la sac à poche, come in questo caso.

Non potevo che condirli con la mia verdura di stagione preferita e così sono nati questi gnocchi di patate senza glutine agli asparagi a cui ho aggiunto il profumo del limone che non manca quasi mai nei miei piatti, fiocchetti di robiola di capra e pinoli croccanti. Un piatto davvero semplice e delicato ma super appagante.

Che dire….più gnocchi per tutti! ;P

Leggi il resto di questo articolo »

Pasta con crema di robiola al radicchio e zucca

pasta robiola radicchio zucca

Mi piacerebbe potervi sentire, potervi vedere. Mi piacerebbe organizzare ogni giorno una chat di gruppo o una video chiamata per sentirci più vicini, perché ognuno possa raccontarsi un po’, condividere.

Come sempre, quando c’è un momento complicato, sto riempiendo le mie giornate di cose da fare. Non mi sono fermata neanche un momento, ceno come al solito alle dieci, lavo i piatti e svengo sul divano.

La situazione che stiamo vivendo tutti è anomala, eppure ancora non me ne sono resa bene conto: non esco di casa, è vero, ma le mie pratiche yoga sono praticamente lo stesso numero di prima. Sto cercando di capire come usare il web e i social a supporto, mi piacerebbe provare a cucinare con voi in diretta Instagram anche se non l’ho mai fatto prima. Vi piacerebbe? Chissà. Sarebbe un modo per rendere più dolce questa reclusione a cui, mi auguro di cuore, state partecipando tutti, entro i limiti.

Sto cercando di gestire la dispensa in modo intelligente e anche se mi ero immaginata di stare ore ai fornelli per riempire il tempo, la realtà è che – per ora – alla cucina non sto dedicando molto tempo. Verrà anche quel momento, quello delle ricette lunghe in cui cimentarsi, quello delle mille preparazioni, ma per ora continuo a preferire piatti semplici e veloci per potermi dedicare ad altro.

Per questo oggi ho pensato di proporvi una pasta, un piatto del conforto che si prepara in pochissimo tempo, fa felici tutti e vi consente poi di tornare al lavoro o di dedicare il vostro tempo a quello che preferite.

Pochi ingredienti e solo due cotture: quella delle penne da lessare e quella della zucca da saltare in padella, il resto a crudo. Pochi passaggi per questa pasta senza glutine con crema di robiola al radicchio e zucca che spero possa arrivare sulle vostre tavole in questi giorni, per sentirci un po’ più vicini 🙂

Leggi il resto di questo articolo »

Sformatini ai broccoli e cavolo nero con cuore di mozzarella

Sformatodibroccoliecavolonero_unavegetarianaincucina_00

Oggi vado alla rovescia, vi propongo una ricetta che ho preparato utilizzando gli scarti – ovvero le coste – del cavolo nero che ho usato per un’altra ricetta. Si lo so, dovevo partire dalla ricetta con le foglie e poi postare quella con gli scarti, ma di sicuro molti di voi il cavolo nero già lo cucinano, solo che le coste le buttano (o magari no, ma non sanno bene che farci.)

Io credo molto nell’importanza di riutilizzare anche le parti considerate “di scarto” di frutta e verdura in cucina, ciò nonostante mi rendo conto che spesso non è facile ottimizzare, sia per mancanza di tempo, che di attrezzatura professionale – che in questo caso potrebbe tornare molto molto utile – che di idee. Ci sono casi in cui però è davvero semplice: usare la scorza delle arance per profumare un dolce, le parti esterne, i gambi e le foglie delle verdure (sempre tutto ben lavato e pulito) per i brodi o tritate sottilissime per i risotti e via così.

Quando ho comprato il cavolo nero – qui non si trova proprio facilmente -, ho provato a farci diverse cose e vedendo la quantità di scarto ho deciso che non potevo buttare tutta quella roba. Le coste sono piuttosto spesse e fibrose quindi le ho pelate, le ho fatte a tocchetti e le ho lessate insieme a un broccolo verde. Poi ho frullato il tutto per ottenere una crema bella liscia e c’ho fatto degli sformati alla robiola con cuore filante alla mozzarella. Ora lo so, le foto non sono il massimo perché per potervi mostrare il “cuore filante” ho dovuto scattare al volo in una giornata che uggiosa è dire poco, ma fidatevi – fidatevi su! – se vi dico che la consistenza vellutata di questi sformatini è deliziosa e che il formaggio al centro rende tutto più goloso. Formaggio su formaggio, si lo so, ma ogni tanto uno strappo si può fare, giusto? Anzi godetevelo, perché ci vorrà del tempo prima che ricapiti 😉

continua >>

Taste&More e ancora tanta voglia di mettersi alla prova

copertina-Taste&More-Magazine-gennaio-febbraio-2015-n°12

Le feste stanno per finire ma oggi c’è un valido motivo per prolungare i festeggiamenti: è online il nuovo numero di Taste&More, l’edizione con dentro tante ricette di stagione che fra gennaio e febbraio vi accompagneranno in cucina e vi daranno imperdibili spunti golosi.

Domani, quando sarete seduti davanti al caminetto mangiando mandarini (o carbone!) e scoprendo le leccornie che vi ha portato la Befana (santa donna), sfogliate il nuovo Taste&More e fatevi conquistare dall’atmosfera unica che caratterizza questo numero.

A questo numero io sono particolarmente affezionata perché è stato un lavoro duro, una sfida a suon di scatti, set da fare e rifare, obiettivi da testare, luci da regolare. E’ stato un modo per capire quali sono i miei limiti, quali sono gli aspetti su cui voglio e devo migliorare, per parlare di fotografia e per chiedere consigli agli esperti – ringrazio chi gentilmente mi ha fornito degli obbiettivi TOP che ho maneggiato con grande cura sentendomi carica di responsabilità!

Ora però bando alle ciance e largo alle ricette: fra pie, vellutate e dolci di Carnevale – su cui ahimè non sono ferratissima – troverete la mia padellata di zucca e pere alle spezie con crema di robiola alla vaniglia, cotta piano piano, delicata, una vera coccola per lo stomaco e per lo spirito (la trovate alle pagine 66-67 di Taste&More).

Taste&More12_unavegetarianaincucina_01

Fra i piatti salati invece vi lascio alla scoperta della ricetta vegan della crema di sedano rapa con semi di zucca e carciofi croccanti, un piatto semplice che scalda il cuore, perfetto per ogni momento (alle pagine 50 e 51 del nuovo Taste&More).

Taste&More12_unavegetarianaincucina_02

Per scoprire le mie ricette non vi resta che sfogliare il nuovo numero cliccando sull’immagine della copertina!

Ravioli di robiola, basilico e capperi con salsa al pomodoro

L’incubo ottimizzazione è tornato. Sono per l’ennesima volta in una fase della mia vita in cui voglio fare 87mila cose al giorno, tutte bene, tutte velocemente, tutte nuove. Parlo della cucina, ovviamente, ma non solo. Nelle 24 ore che ho disposizione cerco di infilare un po’ di tutto, sfrutto la pausa pranzo per cucinare in ogni giornata di sole – così posso fare anche le foto – preparo impasti la sera per il giorno dopo, butto verdure a caso in forno pensando che quando son fatte mi torneranno utili. Sono quei giorni in cui, inevitabilmente, almeno un paio di cose vanno storte: la torta non lievita, le verdure bruciano, comincia a piovere sul tuo set, ti manca un ingrediente fondamentale e il super ha chiuso, sbagli le dosi di qualcosa che di solito fai a occhi chiusi. Ormai lo so, me la sono messa via, ma non ho rinunciato a fare le mie 87mila cose al giorno. Poi arrivano le 20.00 e io penso “Ma come, già le otto? Ho ancora un sacco di cose da fare”, finisce che mi metto lo smalto alle dieci di sera illuminata solo dalla pallida luce di un’abat-jour e quando mi sveglio con lo stampo delle coperte sulle unghie mi prendo a sberle perché so che la colpa è solo mia, era prevedibile.  E niente ragazzi, ormai c’ho una certa età, è inutile cercare di cambiarmi.

In una di queste giornate lungherrime, una delle mie domeniche tipo, ho fatto la pasta fresca integrale, di farro. Era troppa, sapevo che se l’avessi messa da parte pensando “ci farò qualcosa” sarebbe rimasta lì per sempre. Così ho fissato il frigo per qualche secondo e poi – l’illuminazione – mi sono fatta guidare dall’istinto unendo sapori che amo da tutta una vita: robiola, basilico e capperi, tutto condito con una salsa di pomodori secchi. Roba che mi sarei mangiata così, a cucchiaiate. E invece no, c’ho fatto i ravioli. E che ravioli.

E’ proprio vero che la semplicità paga.

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Crackers senza glutine ai semi di chia
Quiche senza glutine con asparagi e crema di piselli
Insalata con asparagi al timo patate arrostite e ricotta
Gnocchi di patate senza glutine agli asparagi

Seguimi via mail!