Finger food e antipasti

Pagina 10 di 25« Prima...5...89101112...152025...Ultima »

Insalata con sfoglie di frittata alle erbe

Come sapete con le uova ho da sempre un rapporto strano. Fino al momento in cui ho cominciato a sperimentare la pasticceria vegan, ho utilizzato le uova per torte e biscotti, anche per flan, soufflè e muffin salati, le ho sempre mangiate senza grossi problemi ma non sono mai stata una patita. O meglio, ci sono dei piatti a base di uova che mi piacciono – tipo l’accoppiata classica uova e asparagi – ma ci sono dei periodi in cui faccio fatica a prepararmi un uovo al tegamino. So anche qual è il motivo in realtà: come tutte le cose quando per un motivo o per l’altro si è costretti a mangiarne grandi quantità, finisce per passarci la voglia di mangiarle. Così è successo a me con le uova.

Detto questo, preferisco tenermi le uova nella loro versione più “semplice” – ovvero all’occhio o strapazzate – per quando vado di corsa a pranzo e concentrarmi su rielaborazioni più fantasiose quando invece ho del tempo.

Per arricchire un’insalata, ad esempio, le uova sono un’ottima alternativa. E invece del classico uovo sodo, quando posso aggiungo ai miei ammassi di verdura 🙂 frittate di ogni genere, preparate a loro volta con verdure oppure con erbette e spezie varie.

Per questa ricetta ho preparato delle sfoglie – ovvero delle frittate sottilissime e croccanti – con melissa, timo limonato e scorza di limone. Poi le ho tagliate a rettangoli e le ho aggiunte a un’insalata primaverile per dare croccantezza e inserire una parte proteica bilanciando il piatto.

La ricetta è su IlCucchiaio.it

Crema di robiola alle erbe aromatiche

Non mangio molti latticini ma quando lo faccio scelgo soprattutto formaggi freschi. Mi piacciono i sapori delicati e le consistenze cremose, come quella della ricotta e della robiola, che abbino spesso sia al dolce che al salato.

Questa crema l’ho preparata per Pasqua per il nostro pranzo alla “festa di compleanno delle medie” con pochissimi ingredienti e un vero trionfo di erbe aromatiche, quelle del mio balcone, la mia gioia. Finalmente è arrivata la bella stagione e io posso ricominciare a usarle fresche per rendere uniche le mie ricette, ormai sono certa che non saprei più vivere senza di loro.

Voi scegliete quelle che più amate per preparare questa crema che sarà pronta in un attimo, poi sedetevi sul terrazzo e godetevi il tramonto.

La ricetta è su Cosebelle insieme a uno scorcio della vita che vorrei 🙂

Millefoglie di tofu e zucchine

La prima volta che ho assaggiato il tofu profumato con l’erba cipollina quel piatto era opera di uno Chef.

Non amo aglio e cipolla e se possibile non li utilizzo nella mia cucina, ma ogni tanto in stagione uso la delicatezza della cipollina fresca per dare un po’ di sprint ai miei piatti senza renderli pesanti da digerire e senza rischiare di coprire gli altri sapori.

Il tofu – come ormai vi ho detto mille volte – a me piace quando viene caratterizzato, quando è abbinato a altri sapori capaci di dargli forza e così, quando ho visto sul mio terrazzo dei bellissimi fili d’erba cipollina con tanto di fiore, mi sono ricordata di quell’abbinamento delizioso e l’ho utilizzato per creare una millefoglie salata. La farcitura è davvero semplice – zucchine, mandorle, capperini – e nell’insieme i sapori si fondono rendendo questo piatto vegan perfetto per la primavera.

La ricetta è su IlCucchiaio.it

Insalata carote asparagi e lupini

I lupini li ho scoperti da poco. Anzi, li avevo comprati secoli fa, li avevo sbucciati TUTTI e poi mi avevano detto di eliminare il sale dalla dieta. Ciao lupini, adieu. Ora capisco: i lupini vengono cotti e lavorati per eliminare una sostanza potenzialmente tossica e amara che contengono mettendoli in salamoia, dunque quando li comprate è importantissimo sciacquarli molto bene o lasciarli un po’ a bagno (sono davvero salati!) e poi ridurre il sale nelle preparazioni in cui li impiegate, assaggiando tutto mentre cucinate per evitare eccessi.

Per stemperare il loro sapore intenso ho voluto abbinarli alla dolcezza di asparagi e carote, pistacchi – rigorosamente non salati – per aggiungere un po’ di croccantezza e una salsina asprigna  a base di senape e succo di limone per equilibrare i sapori e pulire il palato. La ricetta è vegan e i colori sono una meraviglia!

continua >>

Una primavera un po’ strana, una Pasqua diversa, qualche “grazie” e un dolce al volo

La Pasqua è andata, in un modo o nell’altro.

La mia Pasqua è stata una Pasqua un po’ così, fra allergie e eczemi, fra antistaminici e granuli omeopatici. Una Pasqua senza rossetto per cause di forza maggiore, con qualche pensiero in più e qualche certezza in meno, una Pasqua con la Reflex a portata di mano ma con poche foto da portare a casa, perché le occhiaie non perdonano.

Una Pasqua diversa insomma, anche a tavola. Perché c’eravamo sempre noi – family first – ma invece del pranzo eterno che impegna un sacco sia nella preparazione che nel consumo abbiamo deciso di imbandire la tavola con tanti bocconcini diversi, come piace a me. E’ stata una Pasqua un po’ in stile “festa delle elementari” in cui ognuno porta qualcosa – per fortuna quello che sul foglio scrive che porta le bibite e i tovaglioli di carta non c’era – e poi tutti si servono riempiendo i piatti di varie cosine, tipo buffet. Anzi, come dico io per fare la scema, tipo abbuffet 😉

E’ stata una Pasqua così ma a dire il vero è anche una primavera un po’ strana questa. Una primavera di stanchezza, di pigrizia, di stufezza.

Ma in questi giorni di primavera, in questo torpore, al posto delle uova al cioccolato sono arrivati dei “premi” inaspettati. Anzi, inaspettatissimi. E questo post lo scrivo anche per ringraziare chi me li ha assegnati. E anche un po’ per giustificarmi per non aver risposto subito e con slancio, non voglio che la mia reazione venga letta nel modo sbagliato…è che non sono brava con queste cose. Non sono avvezza alle dinamiche fra blogger, non so bene come mi devo comportare, arrivo sempre di corsa, non riesco mai a partecipare ai contest, pubblico a ogni ora perché spesso non riesco a programmare i post con anticipo..insomma sono un’indisciplinata 🙂

Ma vorrei ringraziare Claudia che mi ha assegnato il premio Shine on Awards e Valentina per The Versatile Blogger Award, li esporrò sul blog con gioia.

Ora so che c’è tutto un meccanismo legato all’assegnazione dei premi è che io sono una cialtrona e non so cosa raccontarvi di me così, su due piedi. E allora spero non si offenda nessuno se non seguo le regole ma mi permetto invece di segnalarvi una serie di blog che ho aggiunto alla blogroll che secondo me meritano tutti i premi che vi vengono in mente, che seguo spesso e che hanno un sacco di belle ricette 🙂 Anche su questo sono una mezza cialtrona ma periodicamente cercherò di recuperarli e inserirli, promesso.

E poi vi lascio con un’idea che è nata dai ritagli di brisè di farro – sono in fissa con la brisè non so se sia chiaro -, cioè i ravioloni dolci che vedete in foto e che potete preparare in un attimo con del cioccolato fondente (quello delle uova andrà benissimo!!), un po’ di marmellata d’arancia senza zuccheri aggiunti (ma con tante scorzette) e qualche pinolo.

Pagina 10 di 25« Prima...5...89101112...152025...Ultima »

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Crema di finocchi piselli e sedano al limone
Farinata di lenticchie
Torta all’acqua con uva e mirtilli al miele
Insalata di quinoa con crema di carciofi alle mandorle, zucca e fagioli

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: