Dolci vegan

Muffin di carote viola e cioccolato

Muffindicaroteviolaecioccolato_unavegetarianaincucina_00

Il giorno in cui ho comprato le carote viola non ho saputo resistere alla tentazione di preparare un dolce. Ho pensato: un dolce viola, sarà fighissimo. Per andare sul “sicuro” ho pensato di sperimentare (so che “andare sul sicuro” e “sperimentare” nella stessa frase non vanno molto d’accordo ma perdonatemi, questo è quello che succede nella mia cucina) dei muffin alle noci con il latte e la farina di miglio, che mi piace moltissimo.

Tutto è andato bene nelle fasi preliminari, durante la preparazione della ricetta l’impasto era di un bel viola intenso e io non stavo nella pelle. Potete immaginare la mia faccia quando ho tolto dal forno i miei muffin per verificare la cottura e mi sono resa conto che avevano assunto un inquietante colore blu-verde (basta fare una ricerca su google per rendersi conto di quello di cui sto parlando, incredibilmente stavolta non è capitato solo a me 🙂 ). I miei muffin non erano ancora cotti però, così ho richiuso il forno e ho aspettato sconsolata che fossero pronti. Che delusione!

E invece  – dadadadan! – dopo qualche minuto, a cottura ultimata, aprendo il forno ho avuto una bellissima visione: i miei muffin di certo non erano viola ma, quantomeno, avevano virato a un bel marrone cioccolatoso che dava loro un’aria decisamente più golosa (o, banalmente, li faceva sembrare commestibili). E, lo giuro, sono commestibili davvero! E pure buoni, anzi li voglio provare a rifare anche con le carote classiche, arancio.

*Se volete essere certi che la ricetta sia vegan controllate tutti gli ingredienti, in particolare in cioccolato, e sceglietene uno adatto. La ricetta può essere considerata glutenfree se tutti gli ingredienti che utilizzate non contengono neanche tracce di glutine. Mi raccomando, tutti coloro che soffrono di intolleranze o allergie alimentari devono ricordarsi di verificare sempre con la massima attenzione la composizione di tutti gli ingredienti utilizzati nella ricetta, per essere certi che non contengano neanche tracce di glutine o dell’allergene da evitare.

continua >>

Biscotti di kamut e miglio con noci e cioccolato

Biscottidikamutemiglioconnociecioccolato_unavegetarianaincucina_00

Domenica, per la prima volta, ho sentito davvero la primavera. Che cosa bella.

Sono stanca, è innegabile, il mio corpo mi manda segnali inequivocabili chiedendomi con forza di darmi una calmata. La mia mente è impegnata a gestire un vortice di pensieri che la popolano giorno e notte, neanche prendermi il mio tempo per un po’ di yoga riesce a restituirle pace. Non c’è tempo per riposare. C’è da tener duro, bisogna stringere i denti. Ci sono treni che vanno presi al volo. Io sono un’insicura e un’indecisa di natura ma di certo quando decido di fare qualcosa non si può dire che non sia tenace. L’ho già dimostrato a me stessa – e questo basta, agli altri posso fare prrrrrr – in passato e ho capito che sono testarda, mi metto alla prova, mi spingo al limite ma se voglio davvero fare qualcosa, trovo il modo per farla. Quel che verrà dopo sarà ancora stanchezza, non ho dubbi, ma sarà una stanchezza diversa. E so bene che non avrò tempo di recuperare neanche dopo, quando mi fermerò per più di 5 secondi e mi renderò conto che tutto quello che desidero è un letto. Anzi no, uno sdraio al sole. Ma la vita scorre e starla a guardare per me non è cosa.

In queste giornate così fitte, lunghe e dense mi sono ricavata un po’ di tempo per creare qualcosa che mi potesse coccolare davvero. Serve che lo dica? Non credo, ma lo dico lo stesso: biscotti con le gocce, vegan, buoni buoni. Sono contenta, questa ricetta è una di quelle che andranno evidenziate nel mio quaderno liso pieno di appunti, l’ho già fatta un paio di volte e sono davvero soddisfatta. Il biscotto definitivo, l’ho chiamato così 🙂 Il tempo di una pausa per mordere un biscotto mi è concesso, vero?

Ingredienti

90 g di farina di kamut

70 g di farina di miglio

70 g di noci

30 g di fecola di patate

1 punta di bicarbonato

70 ml di succo d’agave

40 ml di olio delicato

20 ml di latte vegetale al naturale

70 g di gocce di cioccolato fondente

vaniglia

Tritate finemente le noci e unitele alle farine e alla fecola, aggiungete il bicarbonato e i semi prelevati da una bacca di vaniglia. A parte emulsionate con l’aiuto di una frusta l’olio con l’agave e aggiungete il tutto alle farine. Unite anche le gocce di cioccolato e amalgamate con cura aggiungendo poco latte per volta in modo da ottenere un impasto non troppo umido. Formate delle sfere con l’impasto e premetele fra i palmi in modo da ottenere dei dischetti, disponeteli sulla placca da forno leggermente distanziati. Infornate a 180°C per 10-15 minuti, fino a doratura.

Ricordi di crème brûlée al caffè e anice

Ricordidicremebruleealcaffeeliquerizia_Unavegetarianaincucina_00

Ci sono ricette che sono piezz’e core, come si dice. Ricette che nascono fra le tue mani in un giorno di pioggia, che sono quasi una scommessa, un tentativo che vuoi fare sfidando le tradizioni, le abitudini e anche un po’ le leggi della cucina. Queste ricette nascono da un sogno che hai in testa e mentre le realizzi sei perfino un po’ in ansia perché ti carichi di aspettative e incroci le dita sperando che il risultato sia quello che hai in mente.

Mi capita spesso quando mi diletto con tentativi – più o meno fallimentari – di pasticceria vegan. Sono cresciuta sentendo dire che la pasticceria è chimica, guai a sgarrare, guai a non seguire alla lettera le ricette. Vero, per i grandi classici della pasticceria c’è una è una sola ricetta, ci sono regole da seguire, passaggi da rispettare, grammature da verificare.

Ma – c’è sempre un ma – se la cucina è quella di casa a volte è bello provare a uscire dagli schemi, tenendo le radici nella tradizione ma insieme affidandosi all’istinto. E semplicemente provare e riprovare, imparare dagli errori e non arrendersi. E a volte serve anche un po’ di follia, come quella volta che ho pensato di ispirarmi alla crème brûlée* per farne un dolce vegan e quasi veniva da ridere anche a me: pazza Giulia.

*Prima che qualcuno mi salti addosso e mi riempia di insulti dicendo che questa non è una crème brûlée, che sono una vegetariana pazza e che devo stare calma ve lo dico io: questa non è una crème brûlée, quella la facciamo tutti con la ricetta tradizionale e stiamo sereni. Semplicemente mi sono lasciata ispirare per creare una crema vegan dolce e profumata racchiusa sotto un guscio croccante di zucchero, mi è piaciuta e non me ne pento. Sono un’eretica vegetariana pazzoide? Forse, ma ricordatevi che non voglio convincere nessuno che questa sia uguale o tanto meno migliore dell’originale. Questa è un’altra cosa. Questa è roba mia e se non vi piace vi rispetto, non la fate che tanto io non mi offendo 🙂 Baci

continua >>

Tartufi vegan al cacao amaro con noci e fichi

Tartufivegancacaoamarofichienoci_unavegetarianaincucina_00

A quanto pare il Natale è passato e l’anno nuovo è arrivato (si lo so è febbraio, non avete sbagliato post anche se io continuo a scrivere 2014 ovunque, son cose che capitano) eppure la mia voglia di cioccolato e di tartufi è sempre la stessa. Così ho voluto prepararli di nuovo, sempre vegan*, ma in una versione con fichi secchi e noci (senza cocco come avevo promesso alla mia amica Silvia!) Ho profumato il tutto con un tappino di rum e li ho rotolati nel cacao amaro. Un sapore deciso per veri amanti del cacao ma un risultato super goloso per questi dolcini che vi daranno tanta gioia e vi gratificheranno senza farvi rimpiangere i dolci tradizionali che vi chiamano dalle vetrine delle pasticcerie…Come avete detto? Non vi chiamano? Ah allora chiamano tutti me, ho capito 😉

Scherzi a parte, per prepararli ci vuole davvero poco tempo e gli ingredienti non sono molti, quindi questa è una ricetta perfetta quando gli amici arrivano a cena senza preavviso e non sapete cosa mettere in tavola con il caffè. Io, detto fra noi, ne preparerei almeno una doppia dose visto che per un po’ di giorni si possono conservare in frigorifero, giusto per avere un po’ di scorta in caso di momenti di down. Ma poi, diciamocelo, serve davvero che si conservino per qualche giorno?! Golosi di tutto il mondo, è il nostro momento 🙂

*Se volete essere certi che la ricetta sia vegan controllate tutti gli ingredienti, in particolare in cioccolato, e sceglietene uno adatto. La ricetta può essere considerata glutenfree se tutti gli ingredienti che utilizzate non contengono neanche tracce di glutine. Mi raccomando, tutti coloro che soffrono di intolleranze o allergie alimentari devono ricordarsi di verificare sempre con la massima attenzione la composizione di tutti gli ingredienti utilizzati nella ricetta, per essere certi che non contengano neanche tracce di glutine o dell’allergene da evitare.

  continua >>

“Cheesecake” vegan cocco vaniglia e limone

La storia d’amore – relativamente recente ma assolutamente solida – fra me e la cheesecake è ormai cosa nota. In questi anni ne ho sperimentate parecchie versioni – tranne quella cruda con la colla di pesce, vade retro – e l’ho semplificata al punto da racchiuderne l’essenza in tre semplici ingredienti per poterla mangiare anche a colazione: pane, formaggio, marmellata o frutta. Ma questo già lo sapete.

E sapete anche dei miei esperimenti vegan. E che per me ogni promessa è debito.

Quando mi sono ritrovata tra le mani quella cosa molliccia e gelatinosa chiamata “tofu seta” non ho potuto non pensare immediatamente al suo utilizzo per una cheesecake cotta vegan. Pazza idea? Certo a guardarlo così non ispirava molta fiducia. Ma io ho voluto essere positiva e metterlo alla prova: base di frutta secca e cocco, crema alla vaniglia e limone. Il risultato è una crema liscia e morbida che ricorda quella di ricotta, una crema che ti sorprende all’assaggio. Non fate quelle facce, non vi aspettate il sapore del tofu tradizionale abbinato a una consistenza viscida, se fosse così io l’avrei già abbandonato. Siate curiosi, non siate prevenuti, perché infondo siamo sempre lì: scommettiamo che se preparate la cheese senza dire a nessuno che non è la tradizionale nessuno se ne accorge?

Quello che non posso esimermi dal dire è che il tofu costa molto più della ricotta e che quindi questa non è propriamente una ricetta economica, me ne rendo conto. Però perché chi è intollerante ai latticini o semplicemente vegano deve privarsi della bontà di questo dolce delizioso? Io non sono d’accordo. Non è un dolce da preparare tutti i giorni, certo, ma ogni tanto, per una coccola fatta come si deve, ci sta tutto.

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Torta morbida senza zucchero alle pere e semi di canapa
Quinoa con barbabietola, topinambour e zucca al rosmarino
Crema di zucca lenticchie e topinambour
Frittata zero sprechi con foglie di barbabietola al profumo di limone

Seguimi via mail!

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: