Biscotti e pasticcini

Biscottini croccanti (vegan) alle spezie

Come ben sapete sto sperimentando ricette di pasticceria vegan da un po’ di tempo, sia perché sono incredibilmente curiosa sia perché la pasticceria vegana di norma non prevede l’utilizzo di buona parte degli ingredienti a me vietati causa intolleranze alimentari.

Nella mia cucina sono in corso tentativi di ogni genere: passo dallo studio di libri di Chef stellatiSimone Salvini docet – alle modifiche di ricette tradizionali in modo più o meno (più meno che più) scientifico secondo regole che – come ha detto rincuorandomi anche il buon Cristiano di Vegolosi – quasi non esistono.

E siccome da qualche parte bisogna cominciare, i vari esperimenti prendono ispirazione anche dal web e dalle foodblogger più scafate che seguo da tempo.

Questo è il caso di Labna (grazie!), a cui mi sono ispirata per preparare dei biscottini speziati deliziosi accompagnati da un buon tè verde con zenzero, limone e cannella.

Ma siccome ho la sindrome della Nonna e faccio fatica ad attenermi alle ricette – anche perché di solito sono sfortunata e anche se le seguo alla lettera non mi vengono, non ho ancora capito che sfiga mi perseguiti – c’ho fatto al solito una serie di modifiche.

Togli di qua, aggiungi di là, ecco la mia versione…

continua >>

Frittelline di castagne farcite

L’autunno è proprio arrivato, niente da fare. Il cielo è grigio, l’aria fresca, fa buio presto.

Non è facile per una lucertola come me tenere il ritmo e non farsi condizionare dalla stagione.

In realtà non è l’autunno che mi spaventa, mi piacciono i suoi colori, le foglie rosse e gialle che tappezzano i viali, le “castagne matte” da mettere in tasca per tenere lontano il raffreddore, il forno acceso sempre più spesso. Mi piace quel pallido sole che ogni tanto si sforza di fare capolino fra le nuvole, mi piace aggiungere uno strato sopra la maglietta e avvolgermi nelle mie sciarpe leggere.

Il problema è che l’autunno mi proietta in avanti, verso l’inverno, verso mesi e mesi di brutto tempo, freddo, nebbia, neve. Nasi gelati, orecchie rosse e guanti di lana vanno bene per un po’, per qualche giorno intorno al Natale, ma poi basta, ho già voglia d’estate. AIUTO.

Però l’autunno mi regala la zucca, una mia passione grande, e pure le castagne, quelle da tenere fra le mani per riscaldarsi passeggiando sotto i portici, quelle che il nonno mangiava lesse. E non importava quanto fosse difficile poi tirarle fuori dal guscio, non importava se per mangiarne due servivano delle ore. Era il rito, la stufa economica accesa, noi radunati intorno al tavolo. Quelle castagne che in taverna mettevamo sul fuoco, con un po’ di sale, e poi tutti li a strofinarle dentro i canovacci per staccare i gusci, quelle delle dita nere e delle pance piene.

E se la prima ricetta con la zucca è in arrivo, quella con le castagne è già qui, la trovate oggi sul Cucchiaio.it.

Biscotti uva passa e agrumi

Biscotti semplici semplici, con tante uvette, non troppo dolci. Piacciono un sacco anche ai maschi.

Questa variazione di una tradizionale ricetta di biscotti si presta sia a preparare biscottini piccoli, mettendo l’impasto sulla teglia con i cucchiaini, sia a fare biscottoni come i miei, che tanto poi grandi o piccoli io ne mangio sempre uno in fila all’altro. Ingorda.

Maddddddai che dentro non c’è neanche lo zucchero, bandito da tempo dalla mia dieta, ma agave e marmellata con soli zuccheri della frutta. Le farine sono miste, che ci piace variare, e l’uvetta ovviamente. Il profumo? Gli agrumi. Adorati agrumi. I dolci hanno poco senso a casa mia senza la scorzetta di qualcosa 🙂

  continua >>

Biscotti d’avena e cocco al miele

Eccomi di nuovo alle prese con gli abbinamenti cibo-vino, la sfida continua…

Questa volta l’etichetta in questione è “Sulè” Caluso Passito doc di Orsolani, un vino di un meraviglioso colore dorato, dolce ma equilibrato, che sa e profuma di frutta, irresistibile per chi come me ama i vini passiti. E la pasticceria. Guarda te il caso vuole che chi io adori entrambi….

Questo vino è infatti un invito a chiudere il pasto in dolcezza e allora io ve lo propongo con dei biscotti d’avena e cocco, niente glutine (ma occhio alle cross contamination con l’avena, sceglietela con cura e solo garantita senza glutine se avete problemi di intolleranze) e niente zucchero, solo miele.

La ricetta è semplicissima, basta unire tutti gli ingredienti, formare una palla con l’impasto, farlo riposare e poi stenderlo e ritagliare i biscotti. Il risultato? L’avena e il cocco danno ai biscotti la consistenza tipica di quelli che di solito vengono etichettati come “biscotti ai cereali” ma il burro regala all’impasto quell’effetto fondente in bocca che, unito alla dolcezza del miele, non vi farà più smettere di mangiarli 🙂

Ingredienti

150 g di farina di riso

125 g di fiocchi d’avena

125 g di farina di cocco

125 g di burro

80-90 ml di miele millefiori

1 albume

Procedimento

In una ciotola capiente mettete le farine e mescolatele. Aggiungete l’albume, il burro a pezzetti e impastate velocemente con le mani o aiutandovi con un cucchiaio. Aggiungete anche il miele fino a ottenere un composto morbido ma abbastanza sodo da poter formare una palla e riponetelo in frigorifero per una mezz’ora.

Mettete l’impasto fra due fogli di carta forno e stendetelo con un mattarello fino a ottenere uno spessore di circa ½ cm.

Infornate a 180°C in forno ventilato e fate cuocere per circa 15-20 minuti. Se in cottura i bordi dovessero scurire troppo passate al forno statico fino a fine cottura. Fateli raffreddare su una piastra fino a quando si saranno induriti.

Spumiglie alle mandorle con crema al caffè

La meringa farcita con la panna è un classico. Buona, strabuona direi, anche se un po’ impegnativa.

Off limits per chi è intollerante ai latticini. Niente paura! Per cambiare e avere un’alternativa perché non preparare come farcitura una crema a base di latte di soia profumata al caffè? La crema la potete mangiare anche da sola – ovvio – e le spumiglie alle mandorle sono strepitose anche senza farcitura…ma perché privarsi della possibilità di mettere tutto insieme e creare un boccone golosissimo?!?

Come sapete le meringhe richiedono un po’ di tempo per la cottura ma mentre sono in forno potete preparare – preparare, non mangiare – la crema che così avrà il tempo per rassodarsi. Unico consiglio, farcite le spumiglie solo al momento di mangiarle altrimenti la crema rilascerà la sua umidità al biscotto che si sfalderà completamente…sempre buono eh, ma un po’ complicato da mangiare in mano 😉

continua >>

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Tortillas di patata dolce senza glutine
Polpette di lenticchie ai semi con crema di barbabietola al lime
Torta alla carrube e frutti rossi senza glutine
Zucchine ripiene di miglio alle olive e pinoli

Seguimi via mail!