Archivio di gennaio 2013

Pagina 2 di 3123

Tortini zucchine e zucca con taleggio, kamut e pere glassate al balsamico

Che titolone. Un piatto molto molto buono, completo, saporito, con un po’ di agrodolce che va sempre bene. Ci piace. Diciamo che potrebbe spaventarvi perché ci sono parecchi passaggi da fare ma tutto sommato non c’è niente di complicato in questa ricetta. Dovete solo prendervi un po’ di tempo, oppure preparare in anticipo alcune cose tipo le zucchine, la zucca, il kamut lessato. All’ultimo fate le pere glassate, montate i tortini, li passate in forno e siete pronti per assemblare il piatto. Vedrete, è un gioco da ragazzi.

continua

Zaèti

Altra ricettina con la farina di mais!

Questa volta mi sono voluta cimentare con un dolce della tradizione veneta, una ricetta di quelle che le famiglie preparavano nei giorni di festa utilizzando la farina di mais – sempre presente nelle dispense – per regalarsi qualcosa di buono che non fosse la solita polenta 🙂

Il risultato sono questi dolcetti di colore giallino – come si intuisce anche il loro nome in dialetto veneto – semplici ma molto buoni, croccanti e friabili allo stesso tempo, ingentiliti nel sapore dalla presenza delle uvette e profumati dal rum e dalla scorza di limone.

Devo ammettere che tendenzialmente sono un po’ scettica rispetto all’utilizzo della farina di mais nei dolci, ma non c’è niente da fare, con le ricette della tradizione non si sbaglia mai. E allora date un’occhiata ai miei zaèti – o zaleti o zalleti, come vi pare – e vediamo se riesco a far ricredere anche voi.

continua >>

Castagnaccio a modo mio

Il dolce che ti salva la vita. Ve l’avevo annunciato, che sarebbe arrivato. Grazie castagnaccio, sappi che I LOVE YOU. Quando cominci a eliminare dalla tua dieta troppi ingredienti, cerchi di rimanere calma e rilassata, ma infondo sai già che arriverà il momento in cui sbatterai forte la testa contro il frigo pensando di essere una sfigata, perché non puoi mangiare niente. Ed è ingiusto. Immensamente ingiusto. Chi mai nella sua vita è stato a dieta per un motivo o per un altro lo sa, non c’è niente di peggio che DOVER rinunciare a qualcosa…perché se scegli tu di non mangiarlo, vai serena, ma se te lo impongono puoi giurare che entro 5 minuti hai voglia solo di quello. “Viaggio nella mente di Giulia”, il nuovo film horror, presto nelle sale. Insomma chiudo qua le elucubrazioni mentali e passo al dunque: il castagnaccio è un dolce non dolce, si può anche non zuccherare (perfetto se siete a dieta come me) e ce ne sono mille mila versioni. Non piace a tutti, ma a me sì, quindi…questa è la mia versione. Baci

continua

Farfalle con rucola e capperi

Da qualche giorno latito, e questo non va bene, lo so. Sono giorni intensi, sono giorni di lavoro e sono giorni di dieta da intolleranze. Le due cose influiscono pesantemente sul mio tempo e sulla mia creatività in cucina, considerando che gli ingredienti a mia disposizione sono davvero troppo pochi. E allora cerco di postarvi qualche ricettina che faccio per gli altri, per non farvi vivere insieme a me questo momento di casino alimentare. Non vi nego che sfornare prelibatezze che puoi solo fissare ma neanche assaggiare per capire com’è il risultato non è esattamente qualcosa di esaltante, ma cercherò di tenere duro e di fare del mio meglio. Spero, a breve, di riuscire a condividere con voi qualche ricetta “dietetica” che non sia una privazione per nessuno, magari riesco a dare anche dei suggerimenti a chi, come me, si è scoperto intollerante a questo e a quello. E a quest’altro e anche a quello lì. Che disastro!!

Adesso passiamo alle cose serie 🙂 Eccovi una ricettina veloce per la pasta, un’altra di quelle che nascono fissando il frigorifero all’ora di pranzo. Ancora un pesto di rucola ma, stavolta, con i capperi. La rucola amara, i capperi aspretti e salati, i pinoli croccantini. Tutto si sposa alla perfezione , i sapori sono calibrati. E poi lo so che la rucola ce l’avete sempre in frigo, da mettere nell’insalata al volo o da usare per farcire la piadina con lo squacquerone. Che bontàààà. Ecco appunto, quindi non avete scuse.

continua >>

La torta rustica dell’anno nuovo

Oggi si torna su Cosebelle. L’anno è nuovo ma certi amori non finisco, come cantava Antonello Venditti. Uno di quegli amori è il mio per i dolci, e siccome non sono una da buoni propositi, non potevo che cominciare l’anno così, con la mia torta rustica di prugne e marmellata d’arance. Lo so che questo 2013 parte carico di belle e grandi speranze per tutti, me compresa, ma sarà che io sono quella di sempre – o forse sarà che sono quella a dieta di sempre – e per me ora i dolci hanno anche il fascino del proibito.

Per quelli che come me amano la pasticceria, sempre l’ameranno e chissenefregadelrestoseiosonofeliceconunmorsoditorta, questo dolce è un bel modo di cominciare l’anno. Un impasto rustico, una crosticina croccante fuori e un ripieno colorato, dolce per le prugne, aspro e amaro per la marmellata di arance con le scorzette candite.

Per tutti voi che, invece, volete essere integerrimi in questo nuovo anno, dimezzare le calorie, fare più sport, vivere all’aria aperta e mangiare scondito – per scelta, non per necessità come me – allora questa torta è perfetta per la colazione. E’ integrale, ha lo zucchero di canna, c’è la marmellata di stagione e la frutta secca che vi da la carica. Fatene metà dose, se proprio volete fare i fighi nel 2013, ma fatevi sta torta che la giornata parte meglio!

 

Pagina 2 di 3123

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Zuppa fredda di cetriolo zucchine e avocado
Cecina alle erbe aromatiche
Smoothie banana e caffè al cardamomo
Insalata di ceci neri e mais con avocado e salsa piccante

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: