Dolci

Pagina 20 di 36« Prima...51015...1819202122...253035...Ultima »

Biscotti della Gilda

Prendi una ricetta e stravolgila. Comincia a modificarla poco per volta, sperimenta, cambia le farine, le proporzioni, le spezie. Tenta e ritenta, cerca di capire come cambia il risultato in funzione delle tue modifiche.

Quando ho recuperato questa ricetta ero – ovviamente – dalla nonna e stavamo parlando del “biscotto ideale”. Si sa che io sono una vera appassionata di biscotti e si sa anche che sono costantemente alla ricerca del biscotto perfetto, quello croccante ma friabile, quello che si inzuppa ma non si scioglie, quello profumato ma non troppo dolce (eccetera eccetera).

La nonna mi ha fatto appuntare su un post-it la ricetta dei biscotti della Gilda, un’amica di Torino che le aveva passato la ricetta che nella trascrizione sul libro della nonna aveva già subito numerose modifiche (quando si dice “vizio di famiglia”). Ma lei si ricordava bene cos’aveva cambiato, mi ha fatto lo spiegone e io sono tornata a casa con la ricetta della Gilda e le sue variazioni insieme alla curiosità di testare questi biscotti.

A mia volta – ovviamente – ho fatto delle modifiche inserendo le farine integrali al posto di quella di frumento, lo zucchero di canna al posto di quello raffinato e riducendo il quantitativo di burro. Ma non volevo stravolgere la ricetta perché dovevo capire quale fosse il risultato (più o meno) originale prima di poterla modificare.

Che dire, questi biscotti – che sono biscotti tradizionali quindi hanno uova burro e zucchero – sono una vera delizia. Croccantissimi, friabili, delicati. Da non riuscire a smettere di mangiarli.

Ma questo è solo l’inizio, prossimamente vi svelerò come ho cambiato ancora la ricetta e qual è stato il risultato. I lavori sono tuttora in corso per ottenerne anche una versione totalmente vegan 🙂

continua >>

Vegan pan di spagna alle uvette

Lo Chef Salvini, come sapete, è spesso fonte d’ispirazione per le mie ricette, soprattutto per la pasticceria vegana. Mi piace molto sfogliare il suo libro e sperimentare, così in questi mesi ho già trovato alcune ricette che ho preparato più volte, con grande successo. Nonostante un grande Chef sia una garanzia, non so resistere alla tentazione di fare sempre e comunque una serie di modifiche alle ricette, sia per evitare di spendere a ogni spesa una fortuna per comprare ingredienti specifici, che per evitare di utilizzare ingredienti off limits per la dieta o per il mio gusto personale.

Così ho preso ispirazione da un “pan di spagna” di Salvini per creare questo dolce – perché sì,  è un vero golosissimo dolce, non immaginatelo come una base – che si prepara in pochissimo tempo ed è un successo anche fra gli onnivori, rivedendo a modo mio la ricetta.

L’ho preparato a Pasqua per poter avere un dolce da sbocconcellare mentre gli altri si sfondavano di colomba e mentre incartavo le fette rimaste la nonna, indicandole con due dita come solo lei sa fare, mi ha detto  “ma…questa te la porti a casa allora? non è che me ne lasci qualche fettina?”. Vedete un po’ voi, ma per me questa sì che è una garanzia.

continua >>

Piccoli muffin vegan al caffè e fondente

Questa ricetta dolce e golosa è stata ispirata da una ricetta dello Chef Simone Salvini, che come sapete seguo da tempo. I suoi libri sono sempre un’ottima fonte di spunti e idee e mi permettono di sperimentare tecniche nuove in cucina realizzando preparazioni vegan che non hanno niente da invidiare alle tradizionali. Come sempre però – non sarei più io altrimenti – anche per questa ricetta ho fatto una serie di modifiche per andare incontro alla disponibilità della mia cucina e alle mie esigenze dietistiche. Ho scelto un abbinamento classico che non stanca mai – almeno me! – ovvero il binomio caffè-cioccolato, profumando i muffin con la cannella e la scorza di limone e aggiungendo la copertura croccante al fondente.

Che altro dire? Piccoli così sono davvero irresistibili!

continua >>

Una primavera un po’ strana, una Pasqua diversa, qualche “grazie” e un dolce al volo

La Pasqua è andata, in un modo o nell’altro.

La mia Pasqua è stata una Pasqua un po’ così, fra allergie e eczemi, fra antistaminici e granuli omeopatici. Una Pasqua senza rossetto per cause di forza maggiore, con qualche pensiero in più e qualche certezza in meno, una Pasqua con la Reflex a portata di mano ma con poche foto da portare a casa, perché le occhiaie non perdonano.

Una Pasqua diversa insomma, anche a tavola. Perché c’eravamo sempre noi – family first – ma invece del pranzo eterno che impegna un sacco sia nella preparazione che nel consumo abbiamo deciso di imbandire la tavola con tanti bocconcini diversi, come piace a me. E’ stata una Pasqua un po’ in stile “festa delle elementari” in cui ognuno porta qualcosa – per fortuna quello che sul foglio scrive che porta le bibite e i tovaglioli di carta non c’era – e poi tutti si servono riempiendo i piatti di varie cosine, tipo buffet. Anzi, come dico io per fare la scema, tipo abbuffet 😉

E’ stata una Pasqua così ma a dire il vero è anche una primavera un po’ strana questa. Una primavera di stanchezza, di pigrizia, di stufezza.

Ma in questi giorni di primavera, in questo torpore, al posto delle uova al cioccolato sono arrivati dei “premi” inaspettati. Anzi, inaspettatissimi. E questo post lo scrivo anche per ringraziare chi me li ha assegnati. E anche un po’ per giustificarmi per non aver risposto subito e con slancio, non voglio che la mia reazione venga letta nel modo sbagliato…è che non sono brava con queste cose. Non sono avvezza alle dinamiche fra blogger, non so bene come mi devo comportare, arrivo sempre di corsa, non riesco mai a partecipare ai contest, pubblico a ogni ora perché spesso non riesco a programmare i post con anticipo..insomma sono un’indisciplinata 🙂

Ma vorrei ringraziare Claudia che mi ha assegnato il premio Shine on Awards e Valentina per The Versatile Blogger Award, li esporrò sul blog con gioia.

Ora so che c’è tutto un meccanismo legato all’assegnazione dei premi è che io sono una cialtrona e non so cosa raccontarvi di me così, su due piedi. E allora spero non si offenda nessuno se non seguo le regole ma mi permetto invece di segnalarvi una serie di blog che ho aggiunto alla blogroll che secondo me meritano tutti i premi che vi vengono in mente, che seguo spesso e che hanno un sacco di belle ricette 🙂 Anche su questo sono una mezza cialtrona ma periodicamente cercherò di recuperarli e inserirli, promesso.

E poi vi lascio con un’idea che è nata dai ritagli di brisè di farro – sono in fissa con la brisè non so se sia chiaro -, cioè i ravioloni dolci che vedete in foto e che potete preparare in un attimo con del cioccolato fondente (quello delle uova andrà benissimo!!), un po’ di marmellata d’arancia senza zuccheri aggiunti (ma con tante scorzette) e qualche pinolo.

Granola glutenfree alle noci e semi di chia

La colazione per me è una festa. Anzi, mi correggo, è una festa quando non sono costretta a mangiare gallette di riso con acqua e limone, o poco più. Fin da piccola mi hanno insegnato a sedermi a tavola tutte le mattine per questo pasto fondamentale, un pasto che ho sempre adorato visto la mia passione per i dolci. Una colazione con frutta, cereali, latte (vegetale nel mio caso), caffè o tè è il modo migliore per cominciare la giornata, se poi ho la fortuna di aver preparato dei muffin o una torta il giorno prima, meglio ancora.

Per quando sono un po’ di fretta però, la granola è perfetta: si può preparare in anticipo e chiudere in un vaso di vetro per averla sempre croccante e si possono usare ogni volta cereali, frutta secca e semi diversi.

La mia versione vegan senza glutine arricchita con semi di chia e di girasole è a base di noci, mais, grano saraceno e prugne essiccate, con un profumo di cannella, vaniglia e scorza d’arancia.

La ricetta la trovate anche su AlFemminile.com insieme a tante altre idee per utilizzare i preziosissimi semi di chia.

continua>>

Pagina 20 di 36« Prima...51015...1819202122...253035...Ultima »

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

DIARIO DI UNA VEGETARIANA, il mio libro, è in vendita su ordinazione in libreria, su Amazon oppure da 11 a Treviso, in via Diaz!

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Resta aggiornato via mail!
Rispettiamo la tua privacy
Muffin al cocco e limone senza zucchero
Bavette con crema di cavolfiore viola e carote con ceci speziati
Quiche di carciofi con tofu pomodori secchi e olive
Crema di zucca lenticchie rosse e miglio alla curcuma

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: