Dolci al cioccolato e al cacao

Pagina 3 di 812345...Ultima »

Tartufi vegan al cacao amaro con noci e fichi

Tartufivegancacaoamarofichienoci_unavegetarianaincucina_00

A quanto pare il Natale è passato e l’anno nuovo è arrivato (si lo so è febbraio, non avete sbagliato post anche se io continuo a scrivere 2014 ovunque, son cose che capitano) eppure la mia voglia di cioccolato e di tartufi è sempre la stessa. Così ho voluto prepararli di nuovo, sempre vegan*, ma in una versione con fichi secchi e noci (senza cocco come avevo promesso alla mia amica Silvia!) Ho profumato il tutto con un tappino di rum e li ho rotolati nel cacao amaro. Un sapore deciso per veri amanti del cacao ma un risultato super goloso per questi dolcini che vi daranno tanta gioia e vi gratificheranno senza farvi rimpiangere i dolci tradizionali che vi chiamano dalle vetrine delle pasticcerie…Come avete detto? Non vi chiamano? Ah allora chiamano tutti me, ho capito 😉

Scherzi a parte, per prepararli ci vuole davvero poco tempo e gli ingredienti non sono molti, quindi questa è una ricetta perfetta quando gli amici arrivano a cena senza preavviso e non sapete cosa mettere in tavola con il caffè. Io, detto fra noi, ne preparerei almeno una doppia dose visto che per un po’ di giorni si possono conservare in frigorifero, giusto per avere un po’ di scorta in caso di momenti di down. Ma poi, diciamocelo, serve davvero che si conservino per qualche giorno?! Golosi di tutto il mondo, è il nostro momento 🙂

*Se volete essere certi che la ricetta sia vegan controllate tutti gli ingredienti, in particolare in cioccolato, e sceglietene uno adatto. La ricetta può essere considerata glutenfree se tutti gli ingredienti che utilizzate non contengono neanche tracce di glutine. Mi raccomando, tutti coloro che soffrono di intolleranze o allergie alimentari devono ricordarsi di verificare sempre con la massima attenzione la composizione di tutti gli ingredienti utilizzati nella ricetta, per essere certi che non contengano neanche tracce di glutine o dell’allergene da evitare.

  continua >>

Pie al cacao con pere cioccolato e nocciole

Piealcacaoconpereecioccolato_unavegetarianaincucina_00

Cioccolato e pere, chevvelodicoaffà? Inutile star lì a girarci intorno, è un’accoppiata che funziona sempre. E siccome non mi basta mai e i dolci sono da sempre il mio punto debole, c’ho messo pure le nocciole.

E’ un periodo così, bello intenso, un periodo in cui spesso si mangia di fretta in piedi, sbocconcellando qualcosa, o si salta proprio. Non mi piace, io per mangiare devo essere serena e rilassata. Ma a volte serve stringere i denti e spingersi un po’ oltre i propri limiti, correre contro il tempo e cercare di fare tutto, di non scontentare nessuno. Io lo so, ormai mi conosco, che in questi momenti il mio fisico e la mia mente risentono dello stress. E so che il mio rifugio sono i dolci. Il cioccolato. I biscotti. Il pane all’uvetta. A ogni morso mi dico “basta” perché lo so che mi sto facendo del male ma non c’è niente da fare, loro mi attraggono e io trovo conforto in loro. E’ ufficiale, ci amiamo (è o non è il mese degli innamorati?)

Così, per non sbagliare, ho preparato dei piccoli pie – si proprio come la famosa apple pie – con una frolla al cacao fondente e dentro polvere di nocciole, pere ripassate in padella, cioccolato. Questi piccoli scrigni con un sapore intenso di cioccolato, non troppo dolci, super appaganti, erano già buoni così. Ma io in frigorifero avevo la creme fraiche, vuoi non usarla?

E insomma è andata così…ma non vi dico altro, la ricetta la trovate su IlCucchiaio.it

Piealcacaoconpereecioccolato_unavegetarianaincucina_01

Cialde al cacao con mele alla cannella e nocciole

Un altro dolce nato un pezzetto alla volta, dall’idea di preparare le tuilles, le cialde insomma. Ho sempre paura di farle e poi metterle ancora tiepide sugli stampi per fare cestini e forme varie, temo sempre di rovinare tutto. Preferisco preparare le cialde e lasciarle raffreddare così, come sono, senza diventare pazza. E’ un po’ come la roba del cake design, io riconosco la bravura di chi fa vere e proprie opere d’arte, ma non potrei mai mettermici. Ore e ore per fare petali di fiori che nessuno mangerà mai, anche no, lascio quest’incombenza a chi è più bravo – e paziente – di me.

Poi le tuilles sono bellissime anche semplicemente alternate ad altri ingredienti per formare tanti strati croccanti e golosi, io le preferisco così (disse la volpe che non arrivava all’uva).

Gli ingredienti si sono accostati naturalmente nella mia mente: cacao, mele, cannella, nocciole. Sarebbe probabilmente bastato questo. Ma non ho resistito alla mia amata ricotta per aggiungere uno strato cremoso al limone e dare un po’ di freschezza. Il resto è stato facile: il cacao nelle cialde, la cannella nelle mele, le nocciole tostate qui e là. Metteteci anche un caminetto, i regali sotto l’albero, il profumo di spezie nell’aria e il calore degli abbracci delle persone a cui vuoi bene ed è fatta, è già Natale 🙂

La mia ricetta su IlCucchiaio.it

Tartufi al cioccolato con cocco e mandorle

Sto scrivendo questo post in anticipo e non so dove sarò nel giorno in cui lo pubblicherò. E’ sempre strano per me scrivere per un tempo che non sia il presente. Eppure a volte è necessario organizzarsi in anticipo per fare in modo che le ricette rispettino i tempi editoriali e siano pronte per essere pubblicate quando stabilito.

Immagino comunque che il conto alla rovescia sia cominciato e che sia tutta una corsa a stilare liste di cose da fare, regali da comprare, pacchetti da preparare, dolcini da infornare.

Amo il Natale, da sempre. Lo amo perché vuol dire famiglia, affetti, amore. Lo amo perché preparare i dolci e i pacchetti è come prendersi del tempo da dedicare alle persone a cui si vuol bene, dire “oggi ti penso e questo è per te”.

Questo Natale per me arriva in modo strano. Mi piomba un po’ addosso, senza darmi il tempo di rendermi conto che ormai dicembre è arrivato. Ma è bello lo stesso e io non voglio rinunciare a niente, neanche ai regalini commestibili per i miei amici golosi.

E allora quest’anno, insieme agli immancabili biscotti, ho pensato di preparare anche dei tartufini al cioccolato con cocco e mandorle che – udite udite – sono vegani, glutenfree*, senza zucchero aggiunto.

Insomma un dolcino che si potranno concedere un po’ tutti, perché a Natale tutti meritano di essere felici.

La ricetta è su CosebelleMagazine.

*Come sempre massima attenzione alla lista degli ingredienti di tutti i prodotti che utilizzate in cucina, sia se volete assicurarvi che siano vegan sia – anzi direi soprattutto – se soffrite di allergie o intolleranze alimentari: verificate sempre che i prodotti che utilizzate non contengano tracce degli allergeni che vi causano problemi, mi raccomando.

Aggiornamento: che sono in Messico ormai lo sapete e oggi, mentre va online questo post, io sono in viaggio per tornare verso la città da cui poi ripartirò per l’Italia. Nonostante gli addobbi, le luci e le canzoni di Natale che aleggiano nell’aria già da qualche settimana, sentire l’atmosfera natalizia con 28°C, il cielo limpido e il sole non è semplicissimo. Ma (c’è sempre un ma) ci si può abituare. Ci sono sforzi che a volte non si possono evitare 😉

Cestini di castagne con panna cioccolato e marron glacés

Mi piace vincere facile, avete ragione. Ho messo insieme panna, cioccolato e castagne – anzi – marron glacés. Roba che basta prendere un cucchiaio e metterci dentro della panna, del cioccolato e un marron glacés per andare in estasi e ciao.

Apro e chiudo una breve parentesi sulla bontà delle castagne in tutte le loro forme – in tutti i luoghi e in tutti i laghi mi verrebbe da dire ma vabbè – e sul piiiiiiiicccccolissimo problema che ho nel gestirmi quando le ho davanti. Potrei raccontarvi storie che voi umani…tipo di vasetti di crema di marroni svuotati in un pomeriggio, di castagnacci lasciati nella teglia e mangiati per metà prima ancora che fossero freddi, di caldarroste ustionanti scofanate a gruppi di tre con le mani nere e l’anima felice.

Che volete che vi dica, il cibo è una gioia. Grande. E’ un modo per gratificarsi. Tanto. E poi io cerco di mangiare bene anche per potermi concedere qualche peccato di gola. Qualche (ahahah state ridendo anche voi, lo so).

Insomma ho fatto questa specie di frolla croccante con la farina integrale e quella di castagne, senza burro e con lo zucchero mascobado che è il mio preferito. E poi sul ripieno ho svaccato in pieno ma ho seguito l’istinto ed è andata così, un contrasto pazzesco fra l’esterno scrocchiarello e l’interno avvolgente e ricco. Oh ma ragazzi sono dei mini mono porzione. Tipo due a testa? Dai anche tre. Senza troppi sensi di colpa eh? Prima però solo cereali integrali, legumi e verdurine 😉

La mia ricetta dolce è su IlCucchiaio.it

Pagina 3 di 812345...Ultima »

IN LIBRERIA

IN LIBRERIA

In libreria!
DIARIO DI UNA VEGETARIANA
Food District - Ultra

Il mio sito web

healthy food yoga communication
Crema di finocchi piselli e sedano al limone
Farinata di lenticchie
Torta all’acqua con uva e mirtilli al miele
Insalata di quinoa con crema di carciofi alle mandorle, zucca e fagioli

Seguimi via mail!

Follow on Bloglovin

Leggi le mie ricette su:

Leggi le mie ricette su: